Uber lancia la sua prima campagna italiana. Al via lo spot “Dove si va?”

Il video sarà pianificato da oggi su web e social per 3 settimane. Firma l’agenzia Stylum, incaricata in seguito a una gara, come conferma la Marketing Manager Coline Herné

di Teresa Nappi
06 novembre 2017
Uber-nuovo-spot-italia

A quasi cinque anni dal suo arrivo in Italia, dove attualmente opera attraverso autisti professionisti (NCC) con il servizio UberBLACK, Uber inaugura un nuovo capitolo della sua storia nel nostro Paese lanciando la prima campagna adv integrata su canali online e social.

Il via alla comunicazione è fissato per oggi 6 novembre.

L’app, sviluppata a San Francisco nel 2009 per permettere a chiunque di spostarsi con un semplice click, è oggi attiva in oltre 600 città, 77 paesi e 6 continenti ed è in continua crescita.

La campagna, la prima istituzionale entro i nostri confini, è stata progettata per raccontare e svelare il volto più umano del brand anzi, i suoi volti: quello dei circa 1.000 autisti partner e degli oltre 139.000 passeggeri che ogni giorno si affidano a Uber per spostarsi in maniera facile e sicura in Italia.

«Questa nuova campagna rappresenta l’inizio di un nuovo capitolo della storia che Uber sta scrivendo in Italia», spiega a Engage Coline Herné, Marketing Manager di Uber. «Rappresenta per noi un’occasione unica per mostrare, attraverso le immagini di un video fortemente emozionale, chi siamo davvero e raccontare in cosa crediamo. Siamo un’azienda che, in questi cinque anni di attività in Italia, è cresciuta e che continua a inseguire il suo sogno (permettere a chiunque di spostarsi con un semplice click, ndr) solo grazie agli autisti partner e a tutti i passeggeri che rendono umana e reale l’applicazione. Per questo i veri protagonisti della nuova campagna sono soprattutto loro, chi ogni giorno guida o si lascia trasportare».

Coline-Herne-Uber
Coline Herné

Realizzato sotto la direzione creativa di Stylum, agenzia parte del Gruppo Altavia scelta in seguito a una gara dedicata all’iniziativa specifica, il video della campagna attraversa dunque un doppio filone narrativo fortemente emozionale, lasciando spazio ai veri protagonisti di Uber: gli autisti e i passeggeri che rendono umana l’applicazione.

La campagna guida lo spettatore nel percorso che sta affrontando l’azienda, simile a quello di un bambino che cresce all’inseguimento di un sogno fino a ritrovarsi adulto, più maturo ma pur sempre libero e felice di poter scegliere la propria strada, intrecciando così la sua immagine con quella di chi ogni giorno guida o si lascia trasportare attraverso l’applicazione.

Planning all digital per la campagna “Dove si va?”

La campagna, in linea con la vision dell’app californiana, “viaggerà” per 3 settimane esclusivamente sulle piattaforme digitali, con un’importante pianificazione su Facebook, Instagram, YouTube e su alcuni dei principali siti di news italiani.

«La nostra identità è legata a doppio giro al web e al suo aspetto fortemente tecnologico. Pensare a una campagna online integrata ci sembra il modo più coerente per parlare di noi e rispettare la nostra “anima” digitale, che è quello che ci rende pionieri e all’avanguardia».

A occuparsi della pianificazione pubblicitaria sarà direttamente un team interno all’azienda, ci spiega ancora la Marketing Manager. E a questo, si aggiungerà una campagna integrata sui canali social ufficiali del brand, coordinata dall’agenzia Stylum e finalizzata a far scoprire il vero volto dell’azienda e a rispondere alle domande che le persone si pongono nei riguardi di Uber e che troveranno risposta per la prima volta nel sito dedicato all’iniziativa.

Il lancio prevede video in 3 diversi formati, da 45”, 30” e 6”, sostenuto da un piano social che, con post settimanali, racconterà le storie di driver e rider nell’arco dei prossimi 3 mesi.

Di fatto, questa rappresenta la prima campagna istituzionale del brand nel nostro Paese e, come dichiarato a Engage da Herné, sarà l’unica operazione pubblicitaria su cui si concentrerà l’azienda da qui alla fine dell’anno.

Interrogata infine su quanto spende l’azienda in comunicazione nel nostro Paese, Herné ha spiegato: «Si tratta di dati sensibili che non condividiamo». Le uniche indicazioni trovate in merito ai budget investiti dall’azienda, parlano di circa 72 milioni di dollari di spesa in pianificazione media negli Stati Uniti nel 2016, secondo stime elaborate da Kantar Media.

Intanto, all’estero…

Mentre in Italia è pronta la lancio la nuova campagna, Uber passa alla ribalta della stampa internazionale per mezzo di un’indiscrezione che vuole l’azienda impegnata nella ricerca, tramite gara, di una nuova agenzia a cui affidare in toto la propria creatività a livello globale.

Le voci della stampa estera parlano anche di un omologo pitch per affidare l’incarico media.

Chieste delucidazioni all’azienda, Engage non ha per ora ricevuto conferme o smentite in merito.

Credits

  • Agenzia: Stylum
  • Direttori creativi: Fabrizio Ferrero – Emanuele Sala
  • Video format: 45”, 30” e 6”

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.