• Programmatic
  • Engage conference

11/03/2019
di Rosa Guerrieri

Robot Trains, nuova campagna on air e online con Mondo TV e Rocco Giocattoli

Spot, annunci digital, promozioni in-store, eventi e un'app in realtà aumentata: questi gli strumenti messi in campo per la promozione della serie animata in onda su Cartoonito

robot-trains.jpg

Mondo Tv, tra i principali player europei nella produzione e distribuzione di animazione, lancia una nuova campagna crossmediale a supporto del brand prescolare Robot Trains, la serie TV - giunta alla seconda stagione - in onda su Cartoonito. E lo fa con il supporto di Rocco Giocattoli, storica realtà nella distribuzione e vendita di giocattoli in Italia. Molteplici le azioni previste, a cominciare dal rilascio di un’app gratuita che porta la realtà aumentata nel mondo dei Robot Trains. Il ruolo della realtà aumentata nel mondo dei giocattoli si sta ritagliando un peso sempre maggiore, offrendo ai bambini un nuovo modo di vivere il divertimento e la relazione con il gioco. Tramite l’app, all'acquisto di un qualsiasi prodotto Robot Trains, inquadrando il packaging o il prodotto stesso il bambino avrà accesso a un contenuto in realtà aumentata. "Il rilascio dell’app si inserisce perfettamente nella strategia pensata per supportare al meglio il brand Robot Trains, arricchendo i canali di comunicazione e creando un continuum tra cartone e giocattolo", spiega la società in una nota. La release dell’app sarà ampiamente supportata anche con una campagna tv su Cartoonito. Inoltre, per far vivere un’esperienza crossmediale del brand ai piccoli fan dello show, Cartoonito ha realizzato un minisito su Cartoonito.it interamente dedicato a Robot Trains con episodi e giochi e tutorial, in cui sarà disponibile anche un exit link per scaricare l'applicazione. Ed è qui che entra in scena Rocco Giocattoli, sia con pubblicità dedicate su Cartoonito.it, sia con spot pubblicitari in diversi formati in onda per tre settimane a partire da domenica 10 marzo. In più, sono previste anche campagne digital geolocalizzate in centri commerciali e nei touch point nevralgici, oltre alla promozione in-store nei punti vendita Rocco Giocattoli e all’aggiunta di un apposito adesivo sul packaging. Per finire, Rocco Giocattoli prevede anche un’azione di engagement e seeding mirato su mamme a papà blogger in target. A completare il piano, due eventi live. Il primo sarà un evento esclusivo dedicato ai fan della serie durante cui 30 bambini avranno l’opportunità di testare in anteprima la versione beta dell’app Robot Trains AR, disponibile dal 17 marzo. Il secondo sarà invece il 24 marzo in occasione della Fiera dei papà, la manifestazione dedicata alla paternità nel senso più ampio del termine, con un’area tematica dedicata alle avventure dei mitici Key, Alf e Duck. Mondo TV ha firmato l'intera creatività e pianificazione della campagna crossmediale, il cui sviluppo è stato possibile grazie alla collaborazione sinergica con Rocco Giocattoli, Bitbuu Games (la società che ha sviluppato l'app) e i partner commerciali coinvolti sul progetto. «Da recenti analisi di mercato è emerso che i bambini si disinnamorano di una serie tv molto più velocemente per via dell’offerta esagerata di produzioni e della varietà di contenuti, più in linea con l’etiquette della fruizione mobile. Infatti, tra le nuove generazioni i dispositivi OTT stanno prendendo il sopravvento sulla TV - spiega Silvia D’Archivio, Responsabile Marketing & Comunicazione in Mondo TV -. Un trend in ascesa, soprattutto nella fascia d’età prescolare, che ha stravolto completamente il modo di soddisfare i bisogni che si manifestano online mentre si è presi da un’altra attività offline: ben il 43% dei bambini utilizza il cellulare mentre guarda la TV, il 24% il tablet. La fruizione multitasking tuttavia induce i giovani spettatori a distrarsi e, molto spesso, ad interrompere la visione degli episodi con ovvie conseguenze sul processo di fidelizzazione con il marchio. Con queste premesse diventa imperativo presidiare tutti i touch point con un approccio omnicanale al fine di fruttare i cosiddetti "micro momenti" (così definiti da Google) del processo decisionale del bambino».

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI