Naturasì scopre il tuo lato “bio” on air e online

La campagna è stata ideata dall’agenzia Rifattimale di Milano. Radio, web e affissioni con planning gestito dall’azienda

di Lorenzo Mosciatti
10 maggio 2017
naturasì

Un contadino di spalle mostra il suo lato “Bio”. Con questo gioco di parole, pensato per invitare i consumatori a scoprire tutto quello che sta dietro al biologico di NaturaSì, come l’importanza della filiera o il valore del giusto prezzo degli alimenti, sottolineando che il prezzo più basso non è il prezzo più giusto, la catena lancia la sua nuova campagna di advertising in radio, su web e con affissioni nelle principali città italiane.

“Scopri il lato bio” è il claim della campagna ideata dall’agenzia di comunicazione di Milano Rifattimale di Manfredi Marino e Ugo Berretta. La campagna sarà on air in radio dal 8 maggio al 3 giugno, sul web dal 8 maggio a metà giugno, nelle piazze delle principali città con cartelloni dal 15 maggio al 11 giugno, sugli autobus e nelle stazioni della metropolitana. La pianificazione media è gestita dall’azienda.

A Milano la stazione della metropolitana MM2 Moscova sarà quindi interamente vestita dal bio di NaturaSì per due settimane, a partire dal 16 maggio. Inoltre, sempre a Milano, con l’obiettivo di comunicare l’importanza di far crescere, ciascuno per le proprie opportunità e capacità, il “Lato Bio”, la campagna sarà pianificata dal 1 giugno sulla postazione di piazza Duomo delle biciclette BikeMi.

“Desideriamo che tutti i consumatori siano consapevoli e facciano scelte guidate dalla consapevolezza per tutelare la salute dell’uomo, dell’ambiente e dell’agricoltura”, spiega Roberto Zanoni, Direttore Generale di NaturaSì. “NaturaSì è impegnata da 30 anni a sostegno dell’agricoltura bio e degli agricoltori, per la salute dell’uomo e dell’ambiente: acquistare alimenti presso i nostri supermercati significa riconoscere il giusto prezzo agli agricoltori, agevolando la crescita dell’agricoltura biologica e biodinamica che tutela la terra e la sua fertilità. Ecco che pagare qualche centesimo in più i prodotti ha senso. Il consumatore deve capire e deve essere consapevole del fatto che la scelta d’acquisto va al di là del proprio portafoglio, è una vera e propria responsabilità per noi e per i nostri figli perché se manteniamo viva e fertile la terra ecco che potremo raccogliere cibo che ci nutre e che ci fa bene nel tempo. Questo è il nostro lato bio: un impegno che abbiamo messo in campo dal primo giorno e che oggi ancora di più ci guida”.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.