• Programmatic
  • Engage conference

08/03/2019
di Caterina Varpi

Libera Brand Building racconta in un video la partnership tra Costa Crociere e Banco Alimentare Onlus

Il filmato parla della creazione di un nuovo processo di gestione delle eccedenze alimentari a bordo delle navi della flotta

Libera Brand Building consolida il rapporto di collaborazione con Costa Crociere e dà vita alla comunicazione di lancio che promuoverà l’iniziativa fortemente voluta dalla compagnia e realizzata insieme a Banco Alimentare Onlus. Obiettivo della partnership è infatti la creazione di un nuovo processo di gestione delle eccedenze alimentari a bordo delle navi della flotta, finalizzato al recupero del cibo e alla redistribuzione presso le comunità attraverso i canali della rete Banco Alimentare. «Un grande progetto di respiro internazionale, senza precedenti nel settore marittimo a livello globale, che coinvolgerà inizialmente i paesi del Mediterraneo ma punta a espandersi in tutto il mondo – afferma Roberto Botto, Ceo & Founder del Gruppo Libera Brand Building. – Il video che abbiamo realizzato è un racconto emozionale che mette al centro il valore del cibo come fonte di vita per qualsiasi cultura e come momento di gioia da condividere. La condivisione è infatti la chiave per narrare le modalità di valorizzazione del cibo in eccedenza e dello spirito con cui il processo viene portato avanti a bordo delle navi». Ad oggi la collaborazione tra Costa Crociere e Banco Alimentare Onlus è già operativa in otto città portuali tra Italia, Francia, Spagna e Antille Francesi. «Per tutto il nostro team è una bellissima opportunità per proseguire il lavoro di trasposizione dei brand value in comunicazione - conclude Botto - Da tempo la marca ha raccolto la sfida della sostenibilità e ne ha fatto un asset di primaria importanza, con progetti in costante sviluppo che coinvolgono migliaia di persone tra staff e ospiti». https://www.youtube.com/watch?v=6lNle3yrlJM&feature=youtu.be L’iniziativa intensifica l’impegno di Costa Crociere in ambito sostenibilità, che aveva già visto la nascita del progetto 4GoodFood, programma su rispetto del cibo e consumo responsabile che ha l’obiettivo di ridurre del 50% gli sprechi alimentari a bordo entro il 2020, con dieci anni di anticipo rispetto ai traguardi fissati dall’Agenda 2030 delle Nazioni Unite.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI