KFC va online per San Valentino con un video. L’80% del budget va al digital

La nuova produzione è stata creata ad hoc per i social. Planning online di Simple Agency, in esterna a cura di Address. Parla Nicoletta Pirro Ruggiero, Head of Marketing and Communication

di Caterina Varpi
14 febbraio 2019
Nicoletta Pirro Ruggiero
Nicoletta Pirro Ruggiero

KFC – Kentucky Fried Chicken completa il suo piano di comunicazione per San Valentino (ne abbiamo parlato qui) con il nuovo video “Sensitive content”.

«Il nuovo filmato è stato realizzato appositamente per Facebook, Instagram e per le Stories di Instagram. E rispecchia l’ironia su cui si basa la comunicazione di KFC. Il video è stato ideato pensando alla natura di questi canali e all’umorismo tipico dei social network. Nel video prendiamo in giro il “format” della censura ma anche noi stessi», racconta a Engage Nicoletta Pirro Ruggiero, Head of Marketing and Communication di KFC Italia.

«Nei prossimi mesi ci saranno altre campagne. La nostra rete di ristoranti è cresciuta ed è arrivata a 31 unità. Abbiamo avuto un buon sviluppo e puntiamo ad allargare il nostro raggio di azione anche grazie alle campagne pubblicitarie, per le quali ci affidiamo prevalentemente al digital e a spunti creativi efficaci», continua la manager.

«La nostra comunicazione è dunque prettamente digital, con l’80% del budget investito su questo canale. I codici di comunicazione tv non ci appartengono: la nostra audience è giovane e la nostra presenza territoriale non permetterebbe un investimento efficace sul piccolo schermo. Accanto all’online, ci promuoviamo sul territorio grazie a campagne affissioni».

L’azienda lavora dal 2018 con Isobar per la creatività (trovi qui la notizia) mentre per la pianificazione si è affidata nel 2017 a Simple Agency per il web e ad Address per le affissioni.

In Italia KFC arriva nel 2014 e con l’apertura a San Giuliano Milanese il 24 gennaio arriva a 31 ristoranti in 11 regioni tutti gestiti in franchising. Il numero di addetti è di circa 900 persone mentre i clienti serviti nel 2017 sono stati 5 milioni. Il giro d’affari annuo medio per ristorante (vendite) è pari a 1.9 milioni di euro. KFC è stata la prima azienda della ristorazione veloce in Italia a intraprendere un’iniziativa di recupero e donazione delle eccedenze alimentari. Partito a fine 2017, Harvest è il progetto col quale la realtà recupera e dona le eccedenze dei suoi ristoranti. Nel suo primo anno di attività, ha consentito di donare 5300 pasti coinvolgendo 7 ristoranti e altrettante organizzazioni caritative sul territorio italiano.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.