• Programmatic
  • Engage conference

20/02/2019
di Alessandra La Rosa

Dolce&Gabbana "torna alle origini" e punta sulla stampa per la nuova campagna p/e

Mentre nel mondo la pubblicità online si appresta a superare quella sui mezzi tradizionali, la maison va controcorrente, puntando sulla carta stampata

Un'immagine della campagna

Un'immagine della campagna

Mentre nel mondo il digital si appresta a sorpassare la spesa sui mezzi cosiddetti "tradizionali" (un trend che diventerà realtà quest'anno negli Stati Uniti), a spese anche - e soprattutto - della stampa, c'è un brand che va controcorrente, decidendo di puntare per la sua nuova campagna proprio sulla carta stampata. Si tratta di Dolce&Gabbana, che per la promozione della nuova collezione p/e ha deciso per un "ritorno alle origini": una campagna che coinvolge vecchi e nuovi volti del brand, e che per la sua diffusione verterà proprio sulla stampa. Alla base di questa scelta media, un concetto preciso: in un momento in cui il digital è ormai "mainstream", la stampa è diventata un lusso, e per un brand del lusso è la scelta più coerente. «Per noi - ha spiegato Stefano Gabbana in un'intervista a Vogue -, questo è il momento di tornare ai magazine, e anche ai giornali, di andare nella direzione opposta rispetto agli altri. Siamo un’azienda del lusso, ed esprimiamo il nostro valore attraverso un punto di vista unico. Nel 2019 la stessa cosa vale per i magazine. Mentre tutti sono sullo smartphone, comprare la carta stampata potrebbe sembrare un lusso. In realtà se ne ricava un punto di vista unico, preparato con cura e tempo. Per me è il momento del grande ritorno delle riviste: potere alla stampa!». Secondo lo stilista, inoltre, la stampa sarebbe il mezzo più adatto a rappresentare anche visivamente l'unicità del brand: «In un mondo sempre più globalizzato, esprimere la nostra unicità è diventato sempre più importante. Spiegare la nostra identità in questo modo è possibile solo attraverso la carta stampata: sfogliando le pagine di un giornale, a una a una, il punto di vista di ciascun fotografo si riconosce chiaramente, a colpo d’occhio. Se avessimo fatto un post, o lanciato una campagna digitale non sarebbe stata la stessa cosa». Da qui la decisione: la campagna «dovrà essere pensata per la carta stampata, per le migliori riviste, per le testate che amiamo e a cui teniamo di più». Le immagini sono state scattate da sette fotografi, che hanno interpretato in piena libertà la filosofia di Dolce&Gabbana e la sua nuova collezione, ritraendo personaggi iconici, cari alla storia della maison, insieme a volti nuovi. Protagonisti degli scatti sono dunque Isabella Rossellini, Monica Bellucci, Ashley Graham, Helena Christensen, Eva Herzigova, Carla Bruni e Marpessa. Tra gli autori delle immagini anche Giuseppe Tornatore, per la prima volta dietro la macchina fotografica per il brand. La casa di moda è stata recentemente al centro delle polemiche a causa di uno spot realizzato per il mercato cinese e che rappresentava alcuni stereotipi culturali del Paese. Il video è stato duramente criticato in rete, ed ha creato non pochi problemi all'immagine del marchio. Testimoniando di fatto che il digital è un mezzo dalle grandi potenzialità, ma che necessita di essere utilizzato con molta attenzione, pena il rischio di un pericoloso effetto boomerang. E chissà, nella scelta del brand di tornare sulla stampa potrebbe aver giocato anche questa brutta scottatura.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI