• Programmatic
  • Engage conference

14/02/2020
di Francesco Tempesta

"Could I be wrong?": Coca-Cola celebra l'unione tra le persone nel nuovo spot

La campagna, che verrà veicolata in 10 Paesi dell'Europa Occidentale, vedrà la partecipazione della star della serie tv "Orange is the New Black" Natasha Lyonne

Natasha Lyonne nello spot Coca-Cola

Natasha Lyonne nello spot Coca-Cola

Coca-Cola si prepara a lanciare un nuovo capitolo della propria comunicazione europea. Il colosso del beverage ha presentato nei giorni scorsi una nuova campagna pubblicitaria, che prenderà il via la prossima settimana in UK e verrà pianificata in 10 mercati dell'Europa Occidentale (non dovrebbe andare in Italia, che invece fa parte della regione Central & Eastern Europe). Firmata da Wieden+Kennedy London, la campagna lancia un messaggio "sociale", proponendo l'idea di "unione" in un mondo di divisioni e promuovendo l'empatia tra i consumatori. In particolare, lo spot invita le persone ad ascoltare di più le opinioni diverse dalle proprie e chiedersi: "Posso essere io quello che sbaglia?". L'ambientazione è quella di una città americana, dove vediamo alcune persone litigare tra loro, urlandosi addosso. Man mano che il disaccordo aumenta, strade e palazzi si riempiono di crepe e cominciano a crollare, ma le persone sembrano non accorgersene, e anche due supereroi venuti per salvare il mondo si trovano anch'essi a litigare. Alla fine, una ragazza (Natasha Lyonne, star della serie tv "Orange is the New Black") appare e dice: "E se ci chiedessimo 'Posso essere io quello che sbaglia?' Forse le cose cambierebbero in meglio". Nella campagna, Coca-Cola diventa strumento di unione, capace di andare oltre le divisioni, il punto focale di una promozione dell'empatia che vivrà anche in una serie di attivazioni quest'estate per Euro 2020. A chiudere lo spot, il nuovo payoff "Better when we’re open", che verrà veicolato attraverso varie campagne nel corso di quest'anno e del 2021.

ARTICOLI CORRELATI