200.000 inserzionisti per Instagram

Gli advertiser operano in oltre 200 Paesi, e il 75% di loro vive al di fuori degli Stati Uniti. Il 60% degli instagrammers afferma di ricavare informazioni su prodotti e servizi attraverso il social network

di Caterina Varpi
24 febbraio 2016
FrameBridge-Instagram

Instagram festeggia gli oltre 200.000 inserzionisti, che raggiungono le persone sulla piattaforma con campagne che rispecchiano i vari interessi della community. L’adv era stata introdotta sul social network a settembre, con l’aggiunta di nuovi formati nei mesi successivi (a febbraio sono state annunciate nuove funzionalità: leggi l’articolo dedicato), mentre il social lavora a nuove funzioni per venire incontro alle esigenze degli utenti, come l’introduzione di una nuova modalità per il conteggio dei Like e l’introduzione del contatore delle visualizzazioni dei video.

Il 60% degli instagrammers afferma di ricavare informazioni su prodotti e servizi attraverso Instagram, e il 75% di loro afferma che i post di Instagram li spingono a ulteriori azioni, quali visitare un sito web, fare ricerca, acquistare un prodotto o dare un consiglio a un amico (Fonte: Instagram, novembre 2015).

Instagram è una comunità globale e grazie agli strumenti di targeting e a una forte narrativa visuale, gli inserzionisti possono trovare nuovi clienti in tutto il mondo. Gli advertiser operano in oltre 200 Paesi, e il 75% di loro vive al di fuori degli Stati Uniti.

Ecco qualche esempio di successo. In Germania, la catena di supermercati Rewe ha pianificato sul social una campagna per mostrare alle giovane mamme come far pasti semplici usando i loro prodotti. La campagna ha generato una crescita dell’ad recall di 37 punti, un risultato 6.1 volte maggiore della media Nielsen. Shore Projects, un eCommerce di orologi di Londra ha raggiunto un pubblico globale con l’dv sul social network, arrivando a vendere i loro prodotti in oltre 100 paesi.

PetLove, un negozio brasiliano online di prodotti per animali domestici, voleva aumentare i download della loro app per mobile. Dopo aver ottenuto risultati positivi con Facebook Ads, l’azienda ha deciso di lanciare una campagna su Instagram per spingere il download della app usando gli stessi strumenti di targeting usati su Facebook. Finita la campagna, PetLove ha avuto come risultato, dei CPI (cost per install) inferiori del 30% più bassi con la campagna su Instagram, rispetto agli altri canali digital.

L’americana Framebridge – azienda che realizza cornici personalizzate low-cost – ha lavorato con Ampush Media, una compagnia parte del programma Instagram Partners, per attrare nuovi clienti potenzialmente fidelizzabili. Il target della campagna erano le persone che avevano visitato il loro sito internet negli ultimi 30 giorni e quelli che avevano messo nel carrello del sito una cornice ma che non avevano poi finalizzato l’acquisto negli ultimi 60 giorni. Con una serie di foto pubblicate su Instagram accompagnate dal tasto ‘Compra ora’, Framebridge ha avuto come risultato un CTA per acquisire nuovi clienti più basso del 71%.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.