• Programmatic
  • Engage conference

01/08/2018
di Caterina Varpi

Criteo acquisisce Storetail. L'utile netto a +96% nel Q2

Le entrate sono diminuite dell’1% a 537 milioni di dollari, mentre l’utile netto ha raggiunto i 15 milioni di dollari

JB Rudelle

JB Rudelle

Criteo ha annunciato i risultati finanziari del secondo trimestre conclusosi il 30 giugno e l'accordo per l'acquisizione della società francese Storetail, una piattaforma tecnologica di retail media,che consente ai retailer di monetizzare i posizionamenti nativi sui loro siti di ecommerce.

Utile netto aumentato del 96%

Le entrate di Criteo sono diminuite dell’1% (o del 3% a valuta costante) a 537 milioni di dollari. Le entrate, esclusi i costi di acquisizione del traffico, o entrate ex-Tac, sono invece cresciute del 5% (o 2% a valuta costante) a 230 milioni, pari al 42.9% delle entrate. L’Ebitda rettificato è cresciuto del 27% (o del 20% a valuta costante) a 69 milioni di dollari, o del 30% delle entrate ex-Tac. L’utile netto è aumentato del 96% a 15 milioni di dollari. L’utile netto rettificato per azione diluita è aumentato del 36% a 0.53 dollari. Per quanto riguarda la chiusura dell'anno fiscale 2018, l'azienda si aspetta che le entrate, esclusi i costi di acquisizione del traffico, crescano tra il -1% e il + 1% a valuta costante. "Dalle conversazioni che ho avuto con i nostri clienti da quando sono tornato come Ceo, ho sentito tanti commenti positivi sul valore che portiamo - ha dichiarato JB Rudelle, Ceo di Criteo -. Stiamo lavorando su questa fiducia per espandere le nostre relazioni con più prodotti e soluzioni". "Il nostro modello si dimostra ancora una volta forte e resiliente - ha commentato Benoit Fouilland, Cfo di Criteo, - come la combinazione di crescita, aumento della redditività e forte flusso di cassa hanno dimostrato nel secondo trimestre". Il trimestre si è chiuso con 19.000 clienti, con un aumento del 16% su base annua e con un alto tasso di fidelizzazione. Le entrate da prodotti non relativi al retargeting, se non si considerano i costi del traffico di acquisizione, sono aumentate del 72% anno su anno a valuta costante, pari al 6% del business totale. E' aumentato del 38% su base annua, invece, il business in-app per dispositivi mobili. Criteo Direct Bidder, la tecnologia di header bidding, è ora collegata a oltre 2.300 case editrici, in crescita dunque rispetto alle 2.000 del primo trimestre.

L'acquisizione di Storetail

Criteo ha dunque stipulato un accordo per l'acquisizione della francese Storetail, piattaforma tecnologica di retail media che consente ai rivenditori di monetizzare i posizionamenti nativi sui loro siti di e-commerce su base Cpm. L'acquisizione di Hooklogic nel 2016 e il successivo lancio della soluzione Criteo Sponsored Products hanno consentito a Criteo di collaborare con i retailer nella monetizzazione delle loro piattaforme. La tecnologia complementare di Storetail rappersneta ora, fa sapere la società nella nota stampa, un elemento importante per consentire a Criteo di offrire ai rivenditori una piattaforma di monetizzazione completa. L'accordo dovrebbe chiudersi nel terzo trimestre di quest'anno.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI