• Programmatic
  • Engage conference

di Lorenzo Mosciatti

Triboo: ricavi in crescita del 7% e utili a +112%. André Schmidt nuovo presidente

La Divisione Media del gruppo guidato da Giulio Corno si attesta a 14,8 milioni euro con un incremento pari ad 1,1 milioni (+8%)

Triboo chiude il primo semestre dell’anno con ricavi in crescita del 7%, a quota 34 milioni di euro, e con un utile netto consolidato pari ad euro 1,6 milioni, in aumento del 112%. Anche grazie a questi risultati, la società guidata da Giulio Corno attiva nel settore dell’e-commerce e dell’advertising digitale, quotata sul listino MTA di Borsa Italiana, ha ridotto l’indebitamento finanziario netto, passato dai 7,1 milioni di euro al 31 dicembre 2017 ai 3,2 milioni al 30 giugno 2018. Triboo ha da oggi inoltre un nuovo presidente. E’ uscito infatti dal gruppo Alfredo Malguzzi, che ha rassegnato le proprie dimissioni a seguito del recente completamento del processo di quotazione delle azioni della società al MTA di Borsa Italiana. Al suo posto il consiglio ha nominato l’amministratore non esecutivo André Schmidt come nuovo presidente. Schmidt ha ricoperto diversi ruoli dirigenziali senior presso Google ed eBay, a iniziato la sua carriera lavorando per Accenture, Morgan Stanley e ValuePartners, ed è attualmente Ceo e fondatore di Schmidt & Company, una società di M&A per aziende tecnologiche, dopo aver venduto BundleTech, azienda tecnologica da lui fondata e gestita, a Pitney Bowes/Borderfree. Tornando ai risultati di bilancio, i ricavi della Divisione Media si attestano nel semestre a 14,8 milioni euro e registrano un incremento pari ad 1,1 milioni (+8%). Il risultato, si legge nella nota di bilancio, conferma i risultati delle azioni avviate nel secondo semestre dell’esercizio 2017 relative alla ricostituzione della forza vendita, ad una sempre maggiore focalizzazione sulle verticalità e alla qualità dei contenuti editoriali proposti. L’Ebitda divisionale del primo semestre 2018 è pari a 0,9 milioni con incremento del 14% relativo al primo semestre del 2017. L’ebitda margin registra un miglioramento passando da 5,9% del primo semestre 2017 a 6,3% del primo semestre 2018. La Divisione Digitale registra invece, nel primo semestre, ricavi pari a 20,5 milioni con un incremento di euro 1,5 milioni (+8%). Il margine operativo divisionale, al netto degli effetti non ricorrenti, è pari a 2,1 milioni e registra un decremento di 1,4 milioni prevalentemente determinato dall’uscita, nel corso della fine del precedente esercizio, di alcuni store e da un incremento dei costi di logistica nel corso del primo semestre. I volumi degli store usciti saranno sostituiti dai nuovi store già acquisiti nel corso del primo semestre 2018, in lavorazione con entrata in esercizio ed avvio dell’attività a partire dal secondo semestre 2018. Con riferimento ai costi di logistica, il gruppo ha finalizzato la scelta del nuovo fornitore con le attese di un’ottimizzazione dei servizi ed una riduzione dei costi con effetti a partire dal quarto trimestre 2018. Il primo semestre è stato inoltre caratterizzato da intensi investimenti in tecnologia anche derivanti dall’incremento del numero di store acquisiti, i cui effetti sulle vendite si realizzeranno a partire, come detto, dal secondo semestre del 2018. L’Ebitda divisionale registra un incremento del 27% rispetto al primo semestre dell’anno precedente, attestandosi a euro 4 milioni.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI