• Programmatic
  • Engage conference

29/11/2019
di Cosimo Vestito

Nintendo, crescono gli investimenti in comunicazione online. Bullo: «Il digitale è il mezzo cardine»

Il Marketing Director per l’Italia fa il punto sulle strategie pubblicitarie dell’azienda editrice e sviluppatrice di videogiochi. Il budget per il 2020 è in linea

Massimo Bullo

Massimo Bullo

Anche quest’anno Nintendo si conferma come uno dei principali investitori pubblicitari all’interno del settore videoludico. Cominciate all’inizio dell’anno, le numerose attività di comunicazione della azienda giapponese stanno per raggiungere la massima intensità in questo periodo. Tra novembre, dicembre e gennaio, infatti, si concentrano tre appuntamenti decisivi per i marchi dal punto di visto commerciale: il Black Friday, il Cyber Monday e le festività natalizie.

«Siamo stati on air e online tutto l’anno con importanti campagne pubblicitarie e ora stiamo raggiungendo l’apice della stagionalità. Alla presenza attuale sui media seguirà poi, nell’epifania, una fase di comunicazione “second software”, con iniziative mirate specificamente a chi ha acquistato determinati prodotti nelle settimane precedenti. Si tratta di messaggi altamente targettizzati, che raggiungeranno soli i consumatori interessati a comprare ulteriori prodotti», ha spiegato a Engage Massimo Bullo, Marketing Director per l’Italia dell’azienda.

La pubblicità di Nintendo si articola su tutti i touchpoint del marchio, abbracciando l’intera consumer journey in maniera differenziata a seconda del pubblico di riferimento. Al momento, la casa editrice e sviluppatrice di videogiochi è concentrata sulla promozione delle ultime uscite appartenenti al franchise dei Pokemon (Scudo e Spada) e di Luigi’s Mansion 3, con campagne declinate su televisione, online e nei punti vendita, massicce attività di influencer marketing e, infine, di pubbliche relazioni. «Le nostre campagne», ha sottolineato Bullo, «sono fortemente verticali e rivolte a frange di consumatori con particolari interessi, di conseguenza anche le creatività e i contenuti veicolati sono altamente personalizzati. Basti pensare che, solo per la pubblicità a sostegno del lancio di Luigi’s Mansion 3, abbiamo agito in maniera differenziata, con creatività dedicate, su ben quattro tipi di audience: kids, genitori, young adult e gamer. Il risultato è una comunicazione coerente ed efficace; del resto questo è un aspetto che l’azienda cura in maniera maniacale». La televisione continua a essere importante per il media mix della casa di Kyoto, soprattutto nei momenti critici, ma il digitale è il mezzo cardine, con una quota in progressiva crescita rispetto agli investimenti pubblicitari complessivi. Le agenzie partner sono Mindshare per la pianificazione media e JWT per la creatività. «Nintendo, tramite il suo centro media, è sempre molto attenta ai KPI e alle performance delle campagne in termini di risultati, non solo in termini di comunicazione ma anche di vendita. Siamo impegnati durante l’anno in numerosi lanci, ognuno con campagne dedicate, e questo dà l’idea della grande complessità della pianificazione media per questa azienda», ha concluso il Marketing Director. Il 2020 sarà per Nintendo un anno di spinta sotto il profilo del marketing, con un budget stanziato pressoché invariato ma comunque importante. L’obiettivo della comunicazione resta allargare il pubblico di riferimento alle famiglie e ai videogiocatori casuali, penetrando sempre di più nel mass market con esperienze che incentivino la condivisione, anche grazie alle modalità multi-giocatore online.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI