• Programmatic
  • Engage conference

di Lorenzo Mosciatti

Radio: a luglio e agosto investimenti pubblicitari in flessione

Nei primi otto mesi dell'anno il trend rimane però positivo, +14,3%

radio-on-air-foto-teresa-nappi_433489_484290.jpg

La spesa pubblicitaria sulla radio è in calo a luglio e agosto.  

“Gli investimenti pubblicitari radiofonici dei mesi di luglio ed agosto 2021, rilevati nell’ambito dell’Osservatorio Fcp- Assoradio coordinato dalla società Reply, portano ad un dato progressivo del +16,8 a luglio e del +14,3% ad agosto», spiega Fausto Amorese, presidente di Fcp-Assoradio. “L’andamento del progressivo resta quindi ancora largamente positivo rispetto al 2020 nonostante un segno negativo dei singoli mesi, rispettivamente del 4,9% a luglio e del 9,1% ad agosto”.  


Leggi anche: FCP-ASSOINTERNET, LA PUBBLICITÀ VA OLTRE IL PRE-COVID: NEI PRIMI OTTO MESI I RICAVI ADVERTISING CRESCONO DELL’11,8% SUL 2019


Dopo quattro risultati utili consecutivi, il periodo estivo evidenzia dunque una contrazione degli investimenti, anche se permane la complessiva positività di andamento dei primi otto mesi dell’anno.

E' positivo il dato del numero di inserzionisti radio, che sale dell’8% rispetto ai primi 8 mesi dell’anno precedente, così come quello del numero di campagne (+3%).

Le analisi merceologiche relative al gennaio-agosto del 2021 hanno evidenziato infine il buon andamento in secondi di numerosi settori economici. Tra di essi si sono distinti, in particolare, Distribuzione, Alimentare, Abitazione, Gestione Casa ed Elettrodomestici.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI