• Programmatic
  • Engage conference

17/09/2015
di Simone Freddi

#Dmexco2015/ Per Teads è il momento del programmatic

Michele Marzan: «Quello che colpisce è la rappresentatività di tutta la filiera, che sempre di più si appoggia sulle soluzioni tecnologiche, anche dette adtech: programmatic, data managemement, marketing automation»

Michele Marzan e Pierre Chappaz

Michele Marzan e Pierre Chappaz

A Colonia è in corso il Dmexco. Tra le aziende espositrici c'è Teads, società di video advertising, presente alla manifestazione per promuovere gli ultimi sviluppi della sua offerta. Il ceo di Teads Italia, Michele Marzan, ha raccontato a Engage le sue impressioni sull'evento e sulla presenza della società. Cosa ti colpisce di questo evento? Dmexco è sempre di più "the place to be!": è ormai l'evento che raggruppa tutta la industry al meglio e rappresenta sia lo stato dell'arte sia le tendenze in arrivo. Quello che colpisce è appunto la rappresentatività di tutta la filiera, che sempre di più si appoggia sulle soluzioni tecnologiche, anche dette adtech: programmatic, data managemement, marketing automation. E' interessante anche la presenza delle big agencies, che qui hanno una agency lounge e stand dedicati: questo accade troppo di rado in altri paesi ed è una opportunità persa perché dove ci sono le agenzie ci sono anche i clienti che poi in questi eventi possono raccogliere maggiori stimoli per investire ed innovare. Quali sono i temi più rilevanti di questa edizione? Considerando l'ampiezza dell'evento, è chiaro che tutti i temi sono coperti. Ovviamente le tecnologie di programmatic sono pervasive in ogni modello di business ed operativo: questa è l'evoluzione più significativa negli ultimi due anni. Usando un claim in parte noto potremmo dire "no programmatic, no party!". Si è discusso molto di viewability e adblockers, temi su cui la industry sta dimostrando di poter dare delle soluzioni. La centralità del dato nelle attività di marketing potrà sembrare un tema ovvio ma mai scontato, su questo molti player hanno mostrato cosa è possibile fare e raggiungere. State promuovendo qualche soluzione particolare alla manifestazione? Il claim al nostro booth, molto grande ed innovativo, è stato "oustream everywhere". L'azienda è su una traiettoria di crescita solida e veloce, ed il posizionamento come innovatore e leader  nell'outstream video advertising è stato riconosciuto e affermato da tutti i visitatori. Abbiamo, fra le varie attività, tenuto un seminar sul programmatic video e proprio al nostro stand si è riunita la task force di Iab Europe dedicata al video advertising per tracciare i prossimi passi in merito al research e alle raccomandazioni sui formati e sulle metriche di misurazione. Leggi anche il resoconto della prima giornata dell’evento e l'intervista a Luca Sepe, amministratore delegato di SHAA.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI