• Programmatic
  • Engage conference

di Cosimo Vestito

Beefeater London Dry Gin si riposiziona. Il progetto è di Conversion

L’operazione “Back to the oriGin” è lanciata e raccontata attraverso un nuovo profilo Instagram dedicato, per presidiare la piattaforma e raggiungere il target con diversi contenuti statici, video e storie

CS_Progetto_BBTO.png

Beefeater (Gruppo Pernod) è un gin che nasce nel cuore di Londra e che viene consumato nelle grandi metropoli. Il tema della vita in città fa quindi parte del suo DNA. Ma la città, così come è capace di dare tanto, sa anche pretendere molto: per questo motivo ogni tanto serve “tornare alle origini”, in un angolo dove il tempo si può fermare per godersi un “refresh” dallo stress quotidiano con gli amici di una vita. Da questo concetto è nato “Back to the oriGin”, il progetto di Conversion che prevede un sito con un concorso ed un’attivazione nei locali aderenti all’iniziativa per “staccare la spina” e vincere premi targati Beefeater come una Mini Cooper e molti altri. Una mappa interattiva mostra in tempo reale i locali che servono il London Dry Gin per eccellenza, città per città, dove sarà possibile ordinare un cocktail a base di Beefeater e partecipare così all’estrazione di premi giornalieri, settimanali, mensili. Il concorso è valido anche con l’acquisto di Beefeater Gin al supermercato a fronte della registrazione dello scontrino. Tutta l’operazione “Back to the oriGin” è lanciata e raccontata attraverso un nuovo profilo Instagram dedicato, per presidiare la piattaforma e raggiungere il target con diversi contenuti statici, video e stories.

Crediti:

  • Executive Creative Director: Sergio Spaccavento
  • Client Director: Paola Maneo
  • Creative Supervisor Copywriter: Luca Jacchia
  • Creative Supervisor Art Director: Giulia Papetti, Federico Zimbaldi
  • Account Executive: Martina Bollani
  • Project Manager: Valentina Manta, Marika Casola
  • Graphic Designer: Valerio Saini,
  • Art Director: Andrea Sciarrino, Francesco Aliprandi, Andrea Zanolini, Stefania La Grassa
  • Content Manager: Matteo Sapienza
  • Social Media Strategist: Stefano Corti Compagnoni

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI