• Programmatic
  • Engage conference

27/03/2019
di Caterina Varpi

Citroën festeggia il centenario con eventi, iniziative social e la campagna di brand

Il marchio sarà on air nel 2019 con un articolato piano di comunicazione pianificato da Mediacom. Il budget investito in advertising è in linea rispetto all'anno scorso

citroen-en-ciel.jpg

Citroën festeggia nel 2019 i cento anni con un calendario di eventi e iniziative lanciate in tutto il mondo in programma per tutto l'anno. Tra questi, raduni, progetti sui social network, presentazioni di nuove concept car e campagne di comunicazione. Queste iniziative sono state svelate durante una conferenza stampa a Milano, in cui si è parlato della storia della casa automobilistica, del suo fondatore e delle campagne pubblicitarie del brand. Citroën è intanto on air con diversi spot, che torneranno in onda anche nei prossimi mesi. «Fino a marzo è andata in onda la campagna della C5 Aircross, firmata da Traction, che tornerà in estate e in autunno (ne abbiamo parlato qui, ndr). L'anno prossimo invece lanceremo la versione ibrida di questo modello. Il 17 marzo è partito lo spot della campagna di brand dedicata ai 100 anni del marchio. Il video da 30'' è tratto dal film sul centenario e tornerà on air a giugno», racconta Davide Nava, Head of Advertising, a margine della conferenza stampa. Il film, sempre a firma di Traction e adattato da Havas per l'Italia, illustra la storia di Citroën, iniziata nel 1919, ed è caratterizzato dal claim "Da 100 anni condividiamo lo stesso amore per la libertà" (ne abbiamo parlato qui).  Nel filmato è presente anche il modello Origins, creato ad hoc per il Centenario, che è stato lanciato principalmente sui social e sul digital. «Ad aprile, tornerà quindi on air la campagna della C3 firmata da Havas, che ha per soggetto le gemelle», aggiunge Nava. https://www.youtube.com/watch?v=UON-I_ExkPM «Per quanto riguarda il centenario, sempre ad aprile saremo concentrati sulla Design Week. Organizzeremo un evento per il Fuori Salone in Via Stendhal, in zona Tortona. In collaborazione con l'architetto Matteo Ragni, lanceremo un oggetto di design legato a Citroën. A giugno, invece, partirà il progetto Andrè Babies: le famiglie dei bambini che nasceranno a giugno e verranno chiamati Andrea, come il fondatore della casa automobilistica, potranno prendere parte a un concorso». Gli investimenti pubblicitari, prosegue il manager «sono stabili rispetto all'anno scorso ma potrebbero aumentare in base ai progetti che verranno lanciati». La pianificazione è a cura di Mediacom.

Gli eventi celebrativi del centenario di Citroën

Sono diversi gli eventi lanciati a livello internazionale per festeggiare i 100 anni. Si è cominciato a febbraio con la partecipazione a Retromobile a Parigi, salone dedicato agli appassionati di auto storiche, mentre ad aprile partirà, sempre nella capitale francese, un progetto legato al servizio di locazione Citroën, che proporrà auto storiche del marchio oltre alla gamma attuale. A metà giugno, in un luogo ancora da rivelare, si terrà Street Burst Day, in cui saranno esposti 100 modelli che rappresentano i 100 anni della marca, mentre a luglio, a La Ferté-Vidame - Eure-et-Loir, sarà la volta del raduno organizzato dai collezionisti della marca Le Rassemblement du Siècle. Non mancheranno iniziative social. Da maggio prenderà il via "Di generazione in generazione", in cui famiglie, aziende e concessionarie di tutto il modo, fedeli a Citroën da tempo, testimonieranno in video il loro attaccamento alla marca. Per l'Italia parteciperà l'Officina 2 Cavalli della provincia di Cuneo, riparatore ufficiale della 2Cv. A luglio partirà Citroen Stories: in occasione di un road trip internazionale a bordo del nuovo suv C5 Aircross, un giornalista incontrerà alcuni proprietari di modelli iconici. Per loro sarà l’occasione di condividere con il brand la storia con la loro Citroën. In ciascuno dei sette Paesi attraversati sarà realizzata un’intervista video trasmessa sui social network. Due le concept che saranno svelate quest'anno, la prima è stata presentata al Salone di Ginevra a marzo, mentre al Salone di Parigi verrà lanciata la seconda. Ci sarà, inoltre, una nuova edizione del modello Origins dedicato al centenario. Saranno lanciati una serie di prodotti e gadget a marchio Citroën pensati per l'anniversario e un libro da collezione, disponibile da aprile. Si tratta di "100 anni di pubblicità Citroën", di Jacques Séguéla, pubblicitario, padre dei film della marca negli anni '80 (gli Chevrons sauvages, Visa GTi sulla portaerei Clémenceau, AX sulla muraglia cinese, per citarne alcuni). Infine, Citroën darà carta bianca ad alcuni famosi fotografi internazionali per valorizzare il brand in 100 immagini inedite, che postate su Instagram e Facebook, saranno anche protagoniste di un’esposizione gratuita alla Monnaie de Paris a luglio e agosto 2019. Otre a questi principali appuntamenti, Citroën celebrerà il centenario con tantissime altre sorprese nel corso di tutto il 2019, come ad esempio animazioni commerciali specifiche all’interno della sua rete (post vendita, veicoli nuovi e veicoli d’occasione) e collaborazioni esclusive. Per quanto riguarda l'Italia, è programmato un evento a giugno a Torino.

Citroën, cento anni di pubblicità

La storia di Citroën è stata accompagnata negli anni da tante campagne pubblicitarie che hanno lasciato il segno. Il fondatore André Citroën, è stato spiegato nella conferenza stampa, ha infatti sempre voluto rendere l’automobile alla portata di tutti e ha sempre ritenuto fondamentale dunque informare adeguatamente i clienti. Il primo atto di questa strategia di comunicazione è stato nel 1919 l’acquisto di mezza pagina su tutti i principali quotidiani francesi per pubblicizzare la Type A: per la prima volta in Europa su un giornale viene pubblicata la foto di un’auto con prezzo, descrizione e invito ad andare a provarla in concessionaria. Presto viene acquistata una pagina intera, l'ultima, stampata recto verso con il nome Citroën come se fosse la testata di una rivista. Alla campagna stampa si aggiungono anche le “Carovane Citroën”: modelli della marca girano per città e paesi, fermandosi nelle piazze per far fare alle persone quelli che oggi chiameremmo test-drive. citroen en ciel Nel 1922, nei giorni precedenti la settima edizione del Salone dell’Auto di Parigi, fa distribuire volantini che invitano a guardare il cielo e, all’apertura del Salone, un aereo vola su Parigi scrivendo con lettere di fumo il nome Citroën, che si estende per una lunghezza di 5 km mentre nel 1925, decide di stupire Parigi illuminando per la prima volta la Tour Eiffel. Tour_Eiffel_1925 André crea una compagnia di noleggio auto con possibilità di acquisto e la vendita rateizzata e organizza spedizioni in Africa e Cina, che vengono pubblicizzate tramite cartelloni cinematografici e la proiezione di documentari. Crociera-nera Passati gli anni difficili per l’Europa della Seconda Guerra Mondiale e dell’immediato dopoguerra, il testimone creativo di André viene raccolto, negli anni Cinquanta, da Jacques Wolgensinger, direttore della comunicazione di Citroën per quasi trent’anni. Il manager assume il creativo Robert Delpire e gli affida lo stile della marca. Delpire e la sua agenzia creeranno campagne pubblicitarie coinvolgendo grandi fotografi come Helmut Newton, Robert Doisneau o William Klein. In Italia l’agenzia B Communication collabora con la Delpire per adattare ai nostri gusti le campagne che arrivano dalla Francia: nasce così il successo tutto italiano di Dyane (primo mercato per questo modello) con una campagna che guarda ai giovani: “Dyane, l’auto in jeans”. citroen-dyane Jacques Séguéla aveva solo 25 anni e si era appena laureato in farmacia quando decise di fare un viaggio con la 2CV, assieme all'amico Jean-Claude Baudot e da questa esperienza i due viaggiatori scrissero un libro, “La Terre en rond”, pubblicato da Flammarion. Dopo questa esperienza, Séguéla, divenne prima giornalista poi pubblicitario. Dalla metà degli anni ’70, firmerà campagne quali ad esempio quella della VISA Diesel, caratterizzata dalle parole “hei gringo, la macchina… vavavumaaa!” oppure quella della VISA GTi catapultata dal ponte della portaerei Clemenceau. https://www.youtube.com/watch?v=3NzsOINB26U https://www.youtube.com/watch?v=trOJZpAZpgg Negli anni ‘80 la cantante Grace Jones è la testimonial del brand, quando una versione meccanica della sua testa sbuca dal deserto per far uscire dalla bocca la Citroën CX. https://www.youtube.com/watch?v=TKNMTAAAUbE

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI