E-commerce Trends

di C. Vaccaro e A. Coletta

Un blog curato a quattro mani da Claudio Vaccaro, co-fondatore e ceo della digital agency BizUp, e Angelo Coletta, fondatore e ceo di BookingShow e MerchandisingPlaza. Dall'incontro delle due aziende è nata la joint venture UpCommerce, l'e-commerce in full outsourcing multilingua

Valorizzare la Digital Shift dell’utente per elevare l’esperienza di acquisto negli eCommerce

Il mercato del beauty è uno dei settori dell’e-commerce che negli USA muove già oltre 180 miliardi di dollari all’anno, ed è destinato a crescere notevolmente anche in Italia.

Assistiamo infatti ad un processo di digital shift che pone grandi sfide a tutti i brand attivi in questo settore di mercato così dinamico, e che oggi richiede di ridefinire radicalmente il ruolo e il concetto di esperienza per l’utente.

Oggi il consumatore di prodotti beauty è entrato in uno spazio a tre dimensioni che racchiude la sua esperienza di acquisto, vissuta sempre più in modo autonomo:

  • Multicanalità: l’utente esplora i prodotti attraverso un numero sempre maggiore di piattaforme e device, che richiedono una presenza pervasiva del brand in ogni possibile touchpoint;
  • Multiprodotto: la fedeltà di marca è messa costantemente in discussione dall’opportunità di acquistare online prodotti caratterizzati da un maggiore appealing estetico o da prezzi più vantaggiosi;
  • Multiservizio: le persone non cercano più solo i prodotti, ma opportunità a 360 gradi attraverso la fruizione di servizi in grado di coinvolgerle nell’esperienza di utilizzo del prodotto.

UpCommerce_beauty_banner
Alla luce delle evoluzioni degli utenti in ottica multicanale, è chiara la necessità di garantire una adeguata viewability dei prodotti non solo sui motori di ricerca e sui social media, ma anche attraverso i diversi device che oggi gli utenti utilizzano per navigare online ed effettuare acquisti.

La velocità nella ricerca dei prodotti, la facilità di navigazione all’interno dell’e-commerce, la visibilità delle valutazioni degli utenti fatte sui prodotti e la possibilità di poter accedere ai vantaggi derivanti da programmi di loyalty contribuiscono a fare la differenza per un e-commerce orientato alla vendita dei prodotti beauty.

Possedere queste caratteristiche, tuttavia, oggi non è sufficiente: il processo di digital shift del consumatore impone un approccio innovativo per i brand che vogliono vendere online.  Le piattaforme di e-commerce per il settore beauty devono trasformarsi in luoghi immersivi che consentono non solo di valutare le caratteristiche dei vari prodotti, ma anche di apprendere con contenuti ad hoc i modi in cui questi possono essere utilizzati. Si tratta di un approccio che favorisce l’atterraggio dell’utente sul sito perché viene incuriosito o ispirato dalla fruizione di contenuti nativi distribuiti nei vari touchpoint online che caratterizzano l’esperienza di ricerca dei prodotti.

Per questo motivo oggi i brand sono chiamati a produrre una quantità sempre crescente di contenuti originali allo scopo di catturare il loro target di riferimento per spingerlo a visitare le loro piattaforme, dove al cui interno è possibile non solo accedere all’acquisto dei prodotti, ma maturare una esperienza di marca più profonda e coinvolgente. In questo modo un profumo, una crema o un rossetto possono trasformarsi in elementi che fanno parte di una storia più ampia sul prodotto, che estende così l’impronta del brand fino al checkout finale.