DigitalChina

di Riccardo Porta

Con una sua identità in rete dal 1994, è Digital Marketing strategist per MyBank. Per anni nel consiglio di amministrazione di Netcomm se non lo trovi connesso starà facendo certamente qualche sport estremo. Per noi parlerà di Cina e digitale

Tutti in tiro per l’Alibaba Festival

All’11 novembre non manca molto. Anche quest’anno Alibaba sta scaldando i motori per il suo settimo “Global Shopping Festival” (nota di colore: l’evento è sempre stato tenuto l’11.11).

Diciamo che è un po’ la nostra Notte Bianca dello Shopping (lanciata da Netcomm per la prima volta in Italia, si terrà a cavallo tra il 7-8 Novembre) anche se nel “loro” caso durerà tutto il giorno.

Al richiamo del gigante cinese hanno risposto più di 40.000 merchant (+48% YoY) e 30.000 brand che offriranno oltre sei milioni di prodotti a prezzi vantaggiosi. Si contano anche 5.000 player internazionali, a dimostrazione che questo è tutt’altro che un evento “locale”.

Lo scorso anno il Festival è stato in grado di generare 278 milioni di ordini in 24 ore (transazioni da mobile: 42.6%). Quest’anno, con il doppio dei merchant, ci si aspettano numeri da capogiro.

Sono tutti invitati: l’obiettivo di Alibaba è quello di essere pervasivo e raggiungere non solo tutti i media (vedi la recente offerta di $3.6 billion per l’acquisizione di Youku Todou) ma anche tutti i Paesi. E’ la sua priorità, perché 367 milioni di compratori sulla sua piattaforma non gli bastano più. Alibaba arriverà anche da noi entro la fine dell’anno – l’ultima notizia è l’affidamento del ruolo di Managing Director Italia a Rodrigo Cipriani Foresio – e anche se l’Italia non sarà probabilmente in grado, da sola, di aumentare l’attuale 2% di revenue che il gigante dello shopping fa oltre confine, potrà sicuramente dire la sua.

Per l’occasione, l’11 novembre, si terrà un grande gala a Pechino, una città da 20 milioni di abitanti (Milano: 1.2 milioni, Roma, 2.6 milioni, Torino: 900.000) che è lo spot ideale per questo evento perché sta dimostrando, anno su anno, di essere un business hub di tutto rilievo nel panorama mondiale. Per celebrare l’occasione ci saranno show ed eventi in broadcast come se piovesse, perché Alibaba comincia ora a mostrare i muscoli e a pavoneggiarsi.

Il presidente della compagnia Micheal Evans è stato molto chiaro in conferenza stampa riguardo al futuro di Alibaba: “Alibaba will be the global infrastructure of commerce, allowing any consumer to connect with any seller, anywhere in the world at any time”.

Amazon e Ebay staranno a guardare? Non lo so ma la terra sotto i piedi gli sta vibrando pericolosamente.

Questo il discorso del presidente Michael Evans che annuncia il Global Shopping Festival 2015: