E-commerce Trends

di C. Vaccaro e A. Coletta

Un blog curato a quattro mani da Claudio Vaccaro, co-fondatore e ceo della digital agency BizUp, e Angelo Coletta, fondatore e ceo di BookingShow e MerchandisingPlaza. Dall'incontro delle due aziende è nata la joint venture UpCommerce, l'e-commerce in full outsourcing multilingua

Ma cos’è Alibaba e perché ha così tanto successo?

In questi giorni il colosso dell’e-commerce cinese Alibaba sta sbarcando a Wall Street suscitando enorme clamore, soprattutto per quello che sarà il suo futuro legato principalmente ad una progressiva penetrazione nel mercato occidentale.

Ma per ora queste valutazioni non ci riguardano, quello che invece ci interessa è capire come è nato Albibaba e qual è la chiave del suo successo.

Nel 1998 Jack Ma, insegnante di inglese, assieme ad altri 17 soci ha deciso di aprire un sito per permettere alle piccole imprese cinesi di vendere i loro prodotti sul web: Alibaba.

All’epoca la Cina si stava appena aprendo a mercati e investitori esteri, e il potere d’acquisto dei suoi cittadini nel corso degli anni 2000 era (ed è ancora oggi) in costante aumento.

Alibaba ha offerto sia alla domanda che all’offerta uno spazio semplificato e intuitivo per effettuare scambi commerciali, adeguandolo di volta in volta alle esigenze del mercato cinese. Infatti una volta creato l’e-commerce nel 2003 ha visto la luce Taobao, marketplace cinese che non prende commissioni sulle transazioni.

Nel 2008 poi è stata la volta di Tmall, il mega centro commerciale virtuale che ha dato la possibilità a rivenditori di tutto il mondo di aprire il loro negozio online rivolto all’enorme pubblico cinese.

Infine l’ultimo (almeno per il momento) tassello del successo: Alipay, il metodo di pagamento su misura che blocca la transazione dei soldi fino alla consegna della merce, tutelando il cliente da eventuali frodi. Questa soluzione innovativa ha permesso di abbattere il muro di diffidenza diffuso tra i consumatori cinesi nei confronti delle transazioni online.

In altre parole il successo di Alibaba si è basato fino ad oggi su un’unica parola: “semplificazione” dei processi per gli imprenditori che investono e per gli acquirenti che comprano. Da questo punto di vista il futuro, almeno per il mercato cinese, è una sicura crescita: basti pensare che ad oggi si contano 632 milioni di utenti e, numero che potrebbe salire a 850 milioni nel 2015.

Questi stessi principi vanno applicati a quei paesi, come l’Italia, la cui alfabetizzazione digitale non è ancora completata, soprattutto per quel che riguarda le piccole e medie imprese, che per ampliare il proprio business hanno bisogno di essere accompagnati verso un approccio volto alla semplificazione e alla sicurezza nei processi di vendita online.