E-commerce Trends

di C. Vaccaro e A. Coletta

Un blog curato a quattro mani da Claudio Vaccaro, co-fondatore e ceo della digital agency BizUp, e Angelo Coletta, fondatore e ceo di BookingShow e MerchandisingPlaza. Dall'incontro delle due aziende è nata la joint venture UpCommerce, l'e-commerce in full outsourcing multilingua

Il profilo degli e-shopper nel mercato italiano

50 milioni di transazioni online ogni trimestre, 16 milioni di persone che comprano in Rete di cui 10 milioni generano il 90% circa del valore dell’e-commerce in Italia, con una spesa media a testa di 1000 euro all’anno. Attraverso l’indagine “Net Retail – Il ruolo del digitale negli acquisti degli italiani” realizzata da Netcomm, sono visibili tutti i cambiamenti relativi al mondo e-commerce dell’ultimo anno, con focus anche su chi acquista online nel nostro paese, avvicinando così chi intende aprire un canale e-commerce al suo potenziale bacino di clienti. La domanda che ci poniamo in questo post è quindi: qual è il profilo tipo dell’e-shopper italiano?

Profilo utente

Gli e-shopper italiani abituali si concentrano principalmente nella fascia d’età compresa tra i 25 e i 44 anni, consumatori abituati a comprare almeno una volta al mese da Internet. Gli acquirenti sporadici invece riguardano principalmente le fasce d’età dei giovanissimi (18-24 anni) e quella degli over 54. In generale però va segnalato che chi compra online è molto più giovane della media della popolazione italiana.

Perfettamente in linea con la media della popolazione che utilizza Internet nel nostro paese, non vi è una differenza rilevante tra la percentuale di acquirenti online uomo e donna.

Un aspetto invece molto rilevante riguarda la localizzazione degli e-shopper: la maggior parte di quelli che spende abitualmente in Rete infatti, si concentra principalmente nei grandi centri urbani

(1 utente su 2), mentre nei comuni con meno di diecimila abitanti la proporzione diventa di 1 acquirente abituale ogni 6 persone circa, con un aumento però di quelli che spendono sporadicamente online.

Tra i dati più interessanti nell’identikit dell’utente tipo è che ha quasi sempre un livello di istruzione alto (in possesso di laurea), segno che uno dei forti fattori che abbassano la diffidenza nei confronti degli e-commerce è legata ad aspetti culturali (oltre che demografici come abbiamo visto prima).

Cosa comprano

Se non si riscontra una differenza sostanziale tra la percentuale di uomini e donne che acquistano online, la distinzione diventa evidente quando si entra nel particolare di cosa acquistano. All’interno di un panorama generale dominato dai settori viaggi e turismo, elettronica, assicurazioni e abbigliamento, che da soli occupano il valore di oltre metà dell’intero mercato, il 90,8% dei cosmetici è acquistato da e-shopper di sesso femminile, il 90,9% delle assicurazioni è appannaggio degli uomini, mentre l’abbigliamento coinvolge per il 72,3% le signore.

Da notare infine che il totale dello scontrino medio tra i due sessi è molto simile e si aggira intorno agli 80 euro.

Come acquistano

Sicuramente il 2014 è l’anno del mobile che sta vivendo un vero e proprio boom di diffusione e utilizzo. Il fatto poi che l’e-shopper tipo venga da una fascia della popolazione più giovane rispetto alla media fa comunque presagire che nei prossimi anni la tendenza ad utilizzare dispositivi in movimento sia sempre più consolidata, in particolare come ha affermato Roberto Liscia – Presidente Netcomm – “lo smartphone si presenta come cerniera di connessione di due mondi ed è a tutti gli effetti il vero nuovo luogo di acquisto, indipendentemente dalla compresenza o meno di acquirente e merchant”.

Questa affermazione si lega direttamente al ruolo che il digitale mobile occupa oggi in qualunque processo di acquisto fisico o virtuale, dalla ricerca delle informazioni alla vera e propria transazione finale.

È per questo motivo che chi vuole vendere online i propri prodotti deve costruire dei rapporti di fiducia con i propri utenti legati alla credibilità del marchio e a una customer experience totalmente soddisfacente su ogni dispositivo. Oggi più che mai la decisione d’acquisto matura in un percorso che si svolge quasi unicamente in Rete: presidiare motori di ricerca, social network e pianificare attività di web marketing adatte al proprio business, sono oramai aspetti decisivi nella strada verso il successo a cui le aziende non possono più rinunciare se vogliono stare al passo con i desiderata degli e-shopper.