E-commerce Trends

di C. Vaccaro e A. Coletta

Un blog curato a quattro mani da Claudio Vaccaro, co-fondatore e ceo della digital agency BizUp, e Angelo Coletta, fondatore e ceo di BookingShow e MerchandisingPlaza. Dall'incontro delle due aziende è nata la joint venture UpCommerce, l'e-commerce in full outsourcing multilingua

Come usare Twitter per fare eCommerce

Nel post della scorsa settimana abbiamo presentato le strategie da mettere in atto per migliorare le performance di un eCommerce e raggiungere gli obiettivi di vendita attraverso un’efficace gestione del canale Facebook. Anche Twitter – soprattutto a seguito della sperimentazione del pulsante “Buy” – è uno strumento attraverso il quale le aziende possono intensificare le vendite grazie a precise attività di monitoraggio e coinvolgimento del target.

Con circa 300 milioni di utenti attivi mensilmente e un volume di oltre 500 milioni di tweet, Twitter si configura per le aziende come uno strumento di social caring che – se ben usato – può dare una spinta notevole e aggiungere valore al proprio business. Ed è proprio quello che cercheremo di dimostrare con questo post.

Conoscere la piattaforma e i propri obiettivi

Twitter non nasce come una piattaforma vocata all’eCommerce, ma come un social network più incentrato sull’informazione e la conversazione con uomini e donne di tutto il mondo che lo usano per comunicare con amici, celebrità e brand preferiti. Per trarre vantaggio da questo strumento occorre dunque conoscere le regole del gioco: partecipare alle conversazioni, costruire relazioni, guadagnarsi la fiducia degli utenti e, solo alla fine, provare a vendere i propri prodotti. Vietato aspettarsi dei risultati immediati, insomma.

Costruire una solida brand image tramite il proprio profilo

Il profilo Twitter è il posto ideale per iniziare a costruire la propria identità e reputazione. Di fondamentale importanza è in questo senso:

  • Usare il nome ufficiale dell’azienda
  • Usare come foto profilo il logo dell’azienda
  • Impostare come immagine di copertina una foto degli uffici o del team
  • Utilizzare i 160 caratteri della descrizione per definire la propria attività
  • Specificare la location fisica e ‘virtuale’ (sito web)

Social caring

Assieme ad altri social network, Twitter è uno dei posti preferiti dagli utenti per esprimere perplessità e lamentele su un determinato prodotto/brand o chiedere supporto, aspettandosi di ottenere una risposta più rapida rispetto ai canali tradizionali. Ciò che conta è non ignorare mai i commenti, rispondere tempestivamente e in maniera educata e offrire sempre una soluzione come se si trattasse di una conversazione face-to-face.

Abilitare le Twitter Product Cards per la promozione di singoli prodotti

Le Twitter Product Cards sono una funzionalità molto utile per i siti di eCommerce, dal momento che consentono di mostrare più informazioni correlate al prodotto oggetto del tweet quando la pagina del prodotto viene tweettata. Se la lunghezza tradizionale di un tweet è di 140 caratteri, le Twitter cards espandono tale limite mostrando uno snippet sotto la fotografica del prodotto che include informazioni aggiuntive come il prezzo e la disponibilità in magazzino, semplificando notevolmente il processo d’acquisto e aumentando di conseguenza le possibilità di concludere la transazione.

Acquisire follower in maniera intelligente

Seguire massivamente account Twitter suggeriti non è spesso la strategia migliore per accrescere la propria base utenti. Sarebbe più opportuno piuttosto:

  • porsi come una fonte autorevole di conoscenza condividendo contenuti utili e coerenti con il proprio business con una certa regolarità;
  • individuare gli influencer di settore e interagire con loro facendo una ricerca per keyword o per hashtag;
  • creare hashtag ‘memorabili’ per categorizzare i post o identificare un’iniziativa/un prodotto speciale e stimolare i propri follower a usarli nei tweet;
  • rispondere ai reweet con un messaggio di ringraziamento.

Incoraggiare la condivisione dei contenuti sul proprio sito

Implementare sul proprio eCommerce il follow button e il pulsante di condivisione su Twitter – meglio se preceduto da una call to action come “Condividilo con i tuoi amici” – è senz’altro un ottimo modo per incoraggiare la condivisione dei contenuti del proprio eCommerce sul social network.

Creare campagne di advertising

Le aziende hanno a disposizione tre possibilità per fare pubblicità su Twitter:

  • i tweet sponsorizzati sono quelli che appaiono nella timeline oppure quando un utente effettua una ricerca. Tali tweet sono ideali per creare engagement e stimolare i follower all’azione;
  • i promoted account appaiono sia a seguito di una ricerca dell’utente, sia nella barra laterale sinistra della timeline, fra i suggerimenti. Il loro scopo è accrescere la base utenti di un account;
  • i promoted trend assicurano la presenza di un hashtag legato al brand o a un’iniziativa speciale fra le 10 tendenze indicate nella barra laterale sinistra della timeline per 24 ore e in una determinata area geografica. Poiché tali tendenze cambiano continuamente durante il giorno, ottenere la prima posizione consente di ottenere una visibilità davvero enorme.

Variare la tipologia di contenuti condivisi

Non solo offerte, promozioni e lanci di nuovi prodotti. Il pubblico vuole vedere anche altro, ha bisogno di essere coinvolto e di sapere che dietro il profilo del brand ci sono persone in carne ed ossa. In questo senso può essere consigliabile anche:

  • fare domande divertenti legate alla tipologia di prodotti venduti e al settore nel quale si opera;
  • chiedere opinioni sui nuovi prodotti da parte di chi li ha già sperimentati;
  • invitare i follower a postare foto in cui indossano/usano il prodotto acquistato sull’eCommerce dell’azienda;
  • condividere contenuti multimediali come video e infografiche inerenti il proprio business;
  • condividere blog post, notizie correlate e interviste a personaggi noti del settore di riferimento.