Yoox si fonde con Net-A-Porter e vola in borsa. Nasce il nuovo gruppo Yoox Net-A-Porter

Con l’operazione nasce il primo colosso dell’e-commerce per quanto riguarda il settore del lusso. Si prevede che il nuovo gruppo potrà contare su una base di oltre 2 milioni di clienti e la possibilità di raggiungere un’audience di oltre 24 milioni di visitatori unici al mese

di Caterina Varpi
31 marzo 2015
Yoox-Net-A-Porter-marchetti
Federico Marchetti

Yoox ha sottoscritto un accordo con Compagnie Finaciere Richemont per una fusione con la controllata Net-A-Porter, retailer operante a livello mondiale nel settore del lusso on line: nasce Yoox Net-A-Porter, primo colosso dell’e-commerce del lusso, che avrà ricavi aggregati per 1,3 miliardi di euro.

Dalla fusione sono attese sinergie a regime per circa 60 milioni a partire dal terzo esercizio dal completamento dell’operazione. Si prevede che il nuovo gruppo potrà contare su una base di oltre 2 milioni di clienti a livello globale e la possibilità di raggiungere un’audience di oltre 24 milioni di visitatori unici al mese. L’operazione è condizionata alle approvazioni delle autorità competenti e all’approvazione da parte dell’assemblea degli azionisti di Yoox. Il closing è atteso per il prossimo settembre.

Richemond deterrà il 50% del capitale del nuovo gruppo che continuerà ad essere quotato alla Borsa di Milano e manterrà sede in Italia. Il cda sarà composto per almeno la metà da amministratori indipendenti. Federico Marchetti, fondatore e a.d di Yoox, sarà amministratore delegato mentre Natalie Massenet, fondatrice e presidente esecutivo di Net-A-Porter, ne sarà presidente. Al completamento della fusione verrà promosso un aumento di capitale fino a 200 milioni per finanziare nuove opportunità di crescita e l’integrazione, anche con il fine di favorire l’ingresso di nuovi investitori e mantenere la massima flessibilità finanziaria. Il restante 50% del capitale sarà degli azionisti di Yoox. Richemont si è impegnata per un periodo di tre anni dalla fusione a non trasferire un numero di azioni rappresentanti il 25% del totale del capitale sociale di Yoox post fusione (lock-up), a non effettuare acquisti di azioni Yoox post fusione e a non sottoscrivere accordi parasociali.

In una nota Marchetti afferma: «Si apriranno ulteriori prospettive di crescita mentre l’unione delle competenze distintive ci permetterà di rafforzare ancora di più il legame con i marchi del lusso, offrendo loro maggiori opportunità su una piattaforma indipendente, completa e specializzata, che opera a livello globale».

Intanto dopo l’ufficializzazione della fusione il titolo di Yoox cresce del 10,70% attestandosi a 25,66 euro per azione.

Goldman Sachs è stato advisor finanziario di Yoox e d’Urso Gatti e Bianchi Studio Legale Associato ha svolto il ruolo di advisor legale. Lazard e Nomura hanno agito in qualità di advisor finanziari di Richemont, Slaughter and May e Bonelli Erede Pappalardo hanno agito in qualità di advisor legali.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.