Per WeChat sempre più grandi partnership: inaugurato l’accordo con Radio 105

Il budget in comunicazione, perlopiù assorbito da iniziative speciali con editori ed eventi, resta per un 20% dedicato all’adv. Nuovo riferimento creativo per il brand è Nuvicom, per il media confermata Vizeum. Entro l’estate annunciato l’ecommerce

di Teresa Nappi
08 luglio 2014
WeChat-Radio105-FB

Continua all’insegna delle grandi partnership editoriali l’avanzata di WeChat in Italia. Dopo l’annuncio dell’apertura dell’account ufficiale su WeChat di CN Live!, la piattaforma video Condé Nast interamente dedicata al mondo dell’intrattenimento e del lifestyle, che conta oggi 8 milioni di video views, ieri è stata ufficializzato un altro importante accordo con Radio 105.

L’inizio della propria partnership in Italia e il lancio dell’account ufficiale di Radio 105 su WeChat (Radio_105), permetterà ai dj dell’emittente di entrare in contatto e interagire con tutti i propri fan, in maniera semplice e immediata, nel corso dei programmi in onda. Per cui tra le modalità di contatto con la radio citate nei programmi, sarà indicato anche l’account di WeChat, attraverso il quale potranno ricevere messaggi e rendere protagonisti gli ascoltatori in tempo reale.

Sono molte le novità e le iniziative speciali che la partnership con WeChat rende possibili; e tante verranno presentate nei prossimi mesi, probabilmente già entro luglio. Una tra tutte:  l’esclusiva funzione Stop&Start, in base alla quale tutti gli appassionati di Radio 105, se per qualunque motivo dovessero interrompere l’ascolto della radio – ovunque essi si trovino e attraverso qualunque device la stiano ascoltando – tramite WeChat potranno riascoltare 105 in qualsiasi momento successivo, in modo da non perdere neanche un minuto del proprio programma preferito.

Già attive invece le funzioni About, che illustra brevemente come funziona il servizio e riporta il link al sito di Radio 105; 105 BUZZ che rende verificabile in tempo reale il gradimento rispetto a quello che sta accadendo in onda oltre che naturalmente esprimere in diretta il proprio parere; e Ascolta, che permette di riascoltare il podcast dei programmi, ovvero il meglio di quello che è andato in onda e che magari l’ascoltatore si è perso.

 

La presentazione di ieri è stata anche l’occasione per noi di Engage di incontrare Andrea Ghizzoni, country director di WeChat Italia, e di fare il punto sulle scelte strategiche che il brand ha deciso di adottare per proporsi in un Paese che per lo più resta fedele ad app di messaggistica come Whatsapp: «Quello che ci preme in questa fase è proprio rimarcare che WeChat è qualcosa di diverso: una piattaforma che è social network e app di messaggistica insieme e che oggi più che mai si propone con forza ai brand come partner per la fidelizzazione e anche per la cura dei clienti, rendendo per esempio possibili azioni di customer care in tempo reale».

Proprio per marcare questa differenza e sottolineare le potenzialità della piattaforma, Ghizzoni spinge nel nostro Paese verso una strategia di marketing diversa: «Abbiamo scelto quest’anno di impegnare meno risorse in adv tradizionale, per dedicarci maggiormente su iniziative speciali che ci rendono protagonisti al fianco di nomi di spicco del nostro mercato, per i quali mettiamo a disposizione servizi ad hoc utilizzando le funzionalità proprie di WeChat», continua Ghizzoni che rispetto alla suddivisione del budget sulle due voci parla per il 2014 di un 20% impegnato in adv tradizionale e di un 80% dedicato alle iniziative speciali. Entro queste ultime, Ghizzoni cita anche gli eventi: «Siamo stati, e puntiamo a essere sempre più, partner di importanti eventi come  il Top Gear Live di Torino, entro i quali permettiamo ai partecipanti di vivere in modo più personale e coinvolgente l’esperienza live». Prossimo obiettivo ora sono le fiere, segmento entro il quale WeChat, ma soprattutto la casa madre Tencent, crede di potersi imporre facendo la differenza.

Al fianco di WeChat nei suoi progetti nel nostro Paese c’è Nuvicom, la community agency scelta di recente in seguito a una consultazione, che con le sue creatività aiuta il brand nella realizzazione dei materiali promozionali utili per raggiungere gli obiettivi prefissati: «Tra questi ci sono anche video esplicativi delle funzionalità di WeChat che proponiamo sia nei nostri incontri con le aziende (vedi sotto, ndr) sia in occasione di eventi per permettere alle persone di poter interagire e personalizzare la propria esperienza. In questo modo all’azione di brand awareness portata avanti con la campagna che ha visto protagonista Belen, segue un azione educational che ci risulta fondamentale in questo momento. Per il 2015 valuteremo poi in base ai risultati ottenuti quest’anno se siamo pronti e se ha realmente senso una più importante azione pubblicitaria». A prendere parte alla consultazione è stata anche Shicon, l’agenzia che ha firmato la creatività degli spot dello scorso anno con la testimonial argentina e la sua famiglia.

Per le “poche” iniziative previste in adv, Ghizzoni conferma poi Vizeum come partner media.

Infine, il country director di WeChat parla dell’apertura all’ecommerce sulla piattaforma: «E’ previsto entro l’estate, ma non sarà attivo con la funzione mobile payment nel nostro Paese. Sarà un’ulteriore conferma del nostro sforzo di metterci al servizio anche delle PMI», conclude il manager.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.