Con Lovby gli influencer scoprono il loro social score

Grazie alla Action Platform made in Italy le aziende possono comunicare attraverso la voce dei consumatori, gratificandoli in base alla loro popolarità sui social network

di Caterina Varpi
13 giugno 2017
lovby-social-score

Nell’avveniristica puntata Nosedive – Caduta Libera, della serie di Netflix, Black Mirror, viene descritta una società nella quale le classi sociali sono determinate non tanto dal reddito quanto dalla popolarità sociale. Nella serie TV, infatti, ad ogni interazione sociale tra i personaggi corrisponde l’attribuzione di un voto in stelline (da 1 a 5) da parte degli utenti con i quali si interagisce. Ogni interazione positiva o negativa contribuisce alla definizione di un social score individuale, un indicatore di influenza sociale che determina e condiziona la propria identità e consente alle persone di accedere o meno a molteplici benefici.

Allo stesso modo, oggi con Lovby, Action Platform made in Italy che connette le aziende con i consumatori attraverso la proposizione di missioni da svolgere, è possibile calcolare il proprio social score e mettere a disposizione dei Brand preferiti il proprio tempo e la propria influenza.

«Attraverso un algoritmo proprietario, siamo in grado di determinare quale è il livello di interazione di ognuno dei nostri Brand Lover nei confronti dei propri amici e di attribuire un indice di popolarità alle persone iscritte alla piattaforma. Proprio come nella puntata di Black Mirror, gli utenti in Lovby vengono classificati in fasce di influenza: da Start Influencer passando per Senior, Master fino al Top Influencer. L’algoritmo che restituisce il social rank ad ogni Brand Lover, analizza l’attività di ogni Brand Lover sui social networks nel giorno, nel mese e nell’anno; non misura solo la reach, ovvero il numero di amici su Facebook o di follower su Instagram, ma anche la risonanza, ovvero la frequenza con la quale ogni utente interagisce con il proprio gruppo di amici attraverso commenti, like e condivisioni», spiega Simone Bianchi, Chief Technical Officer di Lovby.

Una volta che il Brand Lover svolge una missione, ovvero sceglie di diventare ambassador di un brand, viene gratificato con i Lovies, una currency virtuale che gli permette di riscuotere molteplici premi, ricevendo così un rewarding concreto dalle aziende per le attività svolte a favore dei Brand.

«Ma non tutti gli utenti vengono remunerati allo stesso modo, è proprio il social rank di ciascun Brand Lover a fare la differenza. Un Top Influencer verrà remunerato di più di uno Start Influencer perché la popolarità premia. Più è vasto il network di relazioni, più le attività e le interazioni generano consenso, più lo score sarà elevato e maggiore sarà la valorizzazione della attività svolta», conclude Bianchi.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.