Il Guinness Six Nations va in meta con Gruppo Libera Brand Building

Successo per il piano di comunicazione messo a punto dalle agenzie del network per il brand di birra in occasione del torneo: oltre un milione e mezzo di contatti e più di 330.000 social action

di Rosa Guerrieri
25 giugno 2019
guinness-six-nations-libera

Bebit, Libera Brand Building e MagicBox Events affiancano Guinness al mitico Torneo Six Nations che da quest’anno prende il nome di “Guinness Six Nations”. Una partnership prestigiosa che conferma il solido legame del brand con il mondo del rugby.

«Il Guinness Six Nations è un’occasione unica per Guinness di trasmettere i suoi iconici valori di condivisione e amicizia coerenti con il mondo del rugby», dichiara Roberto Botto, CEO & Founder del Gruppo Libera Brand Building. Per questo Libera Brand Building ha realizzato, insieme a Diageo Italia, un progetto finalizzato a porre in primo piano la presenza del brand nelle tappe italiane di questo importante torneo internazionale. «Un lavoro molto strutturato che abbiamo sviluppato offline, online e onsite – prosegue Botto -, coinvolgendo in modo trasversale i diversi team del nostro gruppo: Libera Brand Building per la strategia di comunicazione e ufficio stampa, Bebit per la strategia social e digital PR, Magic Box Events per l’attivazione nell’area dello stadio e nei locali dove abbiamo celebrato il Terzo Tempo Guinness».

Un piano che è partito ufficialmente a dicmbre 2018, quando Libera Brand Building «ha lanciato il comunicato stampa che annunciava la sponsorizzazione del Six Nations da parte di Guinness, attirando l’attenzione e generando una notevole esposizione mediatica sul brand e sul torneo – racconta Stefania Nasso, Executive Director –. A partire da gennaio la nostra digital agency Bebit ha gestito lo scouting e il reclutamento di una squadra di influencer, a sostegno di un’attività di digital PR, per poi generare hype sulla Guinness Fan Page di Facebook, mantenendo il mistero su quella che sarebbe stata la presenza Guinness nei giorni delle sfide. A questo è seguito il momento reveal: tra febbraio e marzo, in occasione dei tre incontri che si sono svolti presso lo Stadio Olimpico di Roma, abbiamo annunciato sui canali social la presenza delle Walking Pint nei pressi dello stadio e sfidato i fan a trovarle. I promo team, coordinati da Magic Box Events, hanno creato engagement e distribuito oltre 21.000 mappe “Pint of view” con tutti i pub ufficiali Guinness a Roma».

«L’operazione non poteva che completarsi davanti a una pinta – conclude Nasso –. Gli influencers, nostri ospiti allo Stadio Olimpico in occasione delle partite, hanno vissuto l’intera giornata insieme a noi e celebrato il Terzo Tempo Guinness invitando fan e tifosi al pub attraverso la produzione di contenuti che hanno contribuito rinforzare la copertura media dell’operazione».

I numeri dell’iniziativa raccontano di un totale di 350.000 contatti raggiunti e oltre 5.000 foto scattate insieme alle Walking Pint, molte delle quali condivise sui social. In 4 settimane, l’operazione ha generato oltre un milione e mezzo di contatti e più di 330.000 social action.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.