Gruppo Triboo Media, bene il primo anno dalla quotazione: ricavi in crescita del 34%

«Il 2014 è stato un anno di forte crescita per il Gruppo, grazie anche alla combinazione tra i risultati delle nostre società storiche e le ottime performance delle neo-consolidate», commenta Alberto Zilli, a.d. del Gruppo, nella foto insieme al presidente Giulio Corno

di Caterina Varpi
31 marzo 2015
Alberto Zilli e Giulio Corno
Alberto Zilli e Giulio Corno

Il consiglio di Amministrazione di Triboo Media, azienda italiana indipendente specializzata nella pubblicità e nell’editoria online di ultima generazione, quotata sul mercato AIM Italia, ha approvato i risultati consolidati al 31 dicembre 2014.

La società ha registrato nell’esercizio 2014 ricavi netti consolidati pari a 28,26 milioni di euro, in crescita del 34% rispetto ai 21,12 milioni di euro dell’esercizio precedente.

Nel corso dell’anno, i ricavi hanno seguito una dinamica favorevole grazie alla crescita dei risultati ottenuta sia a livello organico sia tramite le acquisizioni. La crescita organica è stata di circa 8 punti percentuali, in un mercato dell’advertising digitale che in Italia ha registrato un incremento di valore più contenuto (+2,1%, fonte FCP-assointernet).

«Il 2014 è stato un anno di forte crescita per il Gruppo, grazie anche alla combinazione tra i risultati ottenuti dalle nostre società storiche e le ottime performance delle neo-consolidate – ha commentato Alberto Zilli, co-fondatore e amministratore delegato del Gruppo Triboo Media. – Grazie alle nuove competenze acquisite e sviluppate nel corso dell’esercizio, abbiamo dato seguito alla nostra strategia volta all’innovazione tecnologica sia nel campo editoriale sia pubblicitario. Abbiamo raggiunto un posizionamento sempre più distintivo nel settore dei formati video e nel mobile, continuando a lavorare allo sviluppo di soluzioni di ultima generazione di programmatic buying e real time bidding. Gli importanti risultati conseguiti quest’anno avvalorano la bontà delle nostre linee guida strategiche e dimostrano la scalabilità e le caratteristiche innovative del nostro modello di business. Alla luce dei nuovi progetti che stiamo portando avanti, sia in termini di acquisizioni che di sviluppo dei nostri asset proprietari, guardiamo al 2015 con grande ottimismo».

Nell’esercizio 2014, il margine operativo lordo consolidato (EBITDA) si attesta a 4,85 milioni di euro, con un incremento del 34% rispetto ai 3,62 milioni di euro al 31 dicembre 2013. Si precisa che l’EBITDA adjusted, non considerando i costi non ricorrenti e i costi di quotazione, si attesta a 5,75 milioni di euro, in crescita del 55% rispetto all’esercizio precedente, con un’incidenza sul fatturato che migliora dal 17% a circa il 20%.

Il risultato netto consolidato si attesta a 2,02 milioni di euro, che diventano 2,92 milioni di euro (+13% rispetto ai 2,58 milioni del 2013) al netto dei costi sostenuti per la quotazione sul mercato AIM Italia, per le consulenze relative alle acquisizioni svolte e per il processo di razionalizzazione delle strutture duplicate a seguito delle integrazioni effettuate tra le varie società del Gruppo.

La posizione finanziaria netta consolidata al 31 dicembre 2014 è positiva per 12,64 milioni di euro, derivante in parte dall’aumento di capitale legato alla quotazione che, al netto delle acquisizioni effettuate, contribuisce per 10,3 milioni di euro e dalla cassa generati dalle attività per circa 2 milioni.

Nel corso dell’esercizio 2014, Triboo Media ha dato inizio a un solido percorso di crescita per linee esterne, portando a termine l’acquisizione del 100% del capitale sociale di Gruppo HTML, per un controvalore di circa 10,85 milioni di euro, e del 51% del capitale sociale di Media Prime S.r.l., start-up nel mondo dell’editoria social che, già nel 2014, ha dimostrato capacità di crescita in termini di risultati e marginalità, grazie soprattutto al progetto editoriale basato sul mondo femminile online, robadadonne.it.

Sempre nel 2014, tramite la controllata Gruppo HTML, Triboo Media ha acquisito gli asset editoriali di wallstreetitalia.com, mentre nel corso dei primi mesi del 2015, ha finalizzato l’acquisizione della società Hedumè S.r.l., che cura e sviluppa il sito studentville.it, punto di riferimento online per gli studenti italiani.

Il processo di quotazione sul mercato AIM Italia di Borsa Italiana, conclusosi nel mese di marzo 2014 ha permesso al Gruppo di raccogliere 19,6 milioni di euro (al netto delle commissioni riconosciute alle banche d’affari che hanno accompagnato la società nel percorso di IPO). Dopo le acquisizioni, considerando la cassa generata nel periodo, il Gruppo dispone di risorse finanziarie per circa 12,92 milioni di euro.

«Siamo particolarmente soddisfatti dei risultati ottenuti da Triboo Media nel corso del 2014 – ha commentato Giulio Corno, co-fondatore e presidente del Gruppo Triboo Media. – Siamo riusciti a superare le aspettative degli investitori che hanno creduto nel nostro progetto e a battere le previsioni degli analisti sia in termini di fatturato che di redditività, elementi che confermano la solidità del business, la competenza del nostro team e le ottime prospettive per il futuro della società».

I dati di bilancio sono stati accolti molto bene dal mercato: oggi, martedì 31 marzo, infatti, il titolo è schizzato in Borsa del 6%.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.