Gruppo Dada, nel primo semestre ricavi in calo a quota 34,8 milioni di euro

La diminuzione, di quasi 5 milioni sull’H1 2013, è dovuta principalmente alle “discontinuità del settore Performance adv”, mentre i ricavi del core business (divisione Domini e Hosting) sono in linea con l’anno scorso

di Lorenzo Mosciatti
06 agosto 2014
Dada-Logo

Una frenata piuttosto accentuata nel business del Performance adv incide sui risultati economici del Gruppo Dada, che ha chiuso il primo semestre del 2014 con ricavi consolidati a quota 34,8 milioni euro, in calo di quasi 5 milioni rispetto ai 39,7 milioni del primo semestre 2013.

Lo spiega la società in una nota, precisando che la diminuzione è dovuta principalmente alle “discontinuità del settore Performance adv”, mentre i ricavi del core business (divisione Domini e Hosting) sono sostanzialmente in linea con l’anno scorso.

Il Margine Operativo Lordo nei primi 6 mesi dell’anno è stato di 5,2 milioni di euro (-18% rispetto al primo semestre 2013) mentre risultato operativo e risultato netto si collocano rispettivamente a 1,0 milioni e -0,8 milioni di euro (vs 2,7 milioni e 0,7 milioni nell’H1 2013).

Nel dettaglio, secondo quanto riportato dalla nota sul bilancio della società:

Le attività relative alla divisione Domini e Hosting, che hanno rappresentato l’88% circa del fatturato consolidato del periodo, hanno riportato un calo rispetto all’esercizio precedente del 2% circa, principalmente a causa del trend negativo del prodotto di advertising online Simply (€1,0 milione nel H1 2014 vs 1,4 milioni nel H1 2013) e della cessione avvenuta ad agosto 2013 di alcuni servizi di colocation in UK (che avevano contribuito ai ricavi del primo semestre 2013 per €0,3 milioni); al netto di questi due effetti, i ricavi del core business si attestano sostanzialmente al dato del primo semestre dello scorso esercizio. I Paesi più rilevanti in termini di contribuzione ai ricavi sono stati Italia e UK, che hanno rappresentato circa il 75% del volume d’affari della divisione, seguiti da Francia, Spagna, Irlanda, Portogallo e Olanda.

Per quanto riguarda i nuovi gTLDs (Generic Top Level Domains – domini generici di primo livello), effettivamente introdotti a febbraio, Dada ha registrato richieste di pre-registrazione e registrazioni in costante crescita: attraverso tutti gli store del Gruppo sono state effettuate complessivamente circa 7.500 registrazioni ed altrettante pre-registrazioni, le più richieste delle quali sono state per il .email, il . photography ed il .bike.

Il business della Performance Advertising ha contribuito al fatturato di Gruppo per il restante 12%, registrando un calo rispetto ai corrispondenti mesi dell’anno precedente (€4,3 milioni vs €8,2 milioni nel H1 2013, -47%). Sull’andamento della divisione ha significativamente inciso il reiterato cambio a livello globale delle modalità operative con le quali gli inserzionisti possono acquisire traffico sul network di Google, che ha rallentato il trend di crescita a partire dal mese di ottobre 2012 e ha ulteriormente impattato l’evoluzione dei ricavi a partire dal mese di gennaio 2014.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.