Fiorucci punta sugli Azzurri e prepara il lancio di “Amarsi d⁺”

La storica azienda italiana degli insaccati, oggi parte del Gruppo Campofrio, continua nel percorso di rilancio con una linea tutta nuova e un budget adv 2014 in crescita a due cifre, per un quarto destinato all’online

di Simone Freddi
09 maggio 2014
Fiorucci-Logo

Incurante della continua contrazione del mercato degli insaccati, che anche nei primi mesi dell’anno ha perso 4-5 punti percentuali a valore, Fiorucci continua nell’operazione di rilancio iniziata nel 2011 con l’acquisizione da parte della multinazionale spagnola Campofrio.

Quest’anno, sul piatto ci sono una linea tutta nuova, Amarsi d⁺, un budget comunicazione in crescita del 10/15% (per un totale che a quanto ci risulta potrebbe avvicinarsi ai 4,5 milioni di euro) e la sponsorizzazione ufficiale della Nazionale di Calcio, impegnata ai Mondiali.

Ma andiamo con ordine partendo proprio dalla partnership con gli Azzurri, presentata ufficialmente oggi a Milano in occasione di un press lunch alla presenza dell’amministratore delegato dell’azienda Alberto Alfieri e della brand manager Simona Petrassi.

L’obiettivo principale dell’operazione, ha spiegato Alfieri, è quello di affermare la dimensione nazionale del brand Fiorucci, ribadendone il posizionamento come eccellenza del “Made in Italy” nel campo della salumeria. A sostegno, è già stato attivato il concorso, con campagna online a supporto, “Insieme per gli Azzurri”, che mette in palio prodotti Puma e un viaggio in Brasile.

Diverse saranno ancora le attività che vedranno Fiorucci al fianco della squadra Azzurra, nel percorso di avvicinamento e durante i Mondiali di Brasile 2014, quando il brand sarà presente a Casa Azzurri. Si parte con lo “sponsor day” del 26 maggio a Coverciano, passando per una serie di iniziative benefiche. Fiorucci, in appoggio alla Ficg, partecipa al lancio di “Un Amore Così Grande 2014“, la canzone dei Negramaro che farà da colonna sonora alle prossime partite della Nazionale. A sua volta, il brand donerà in beneficenza l’equivalente in salumi del peso di ogni giocatore che sarà capace di andare in gol ai Mondiali.

Inoltre, in una serie di supermercati verranno realizzate delle isole Fiorucci de­dicate al progetto “Insieme per gli Azzurri” in cui, tutti coloro che avranno acquistato un minimo di 5 euro di prodotti Fiorucci riceveranno in omaggio una bandiera dell’I­talia e potranno farsi scattare una foto, partecipando così ad un ulteriore concorso attivo sulla pagina Facebook di Fiorucci.

Questo per quanto riguarda la sponsorship azzurra. Ma il pranzo di oggi ha rappresentato l’occasione anche per parlare della nuovissima linea Amarsi d⁺, (“amarsi di più”), con cui Fiorucci va a presidiare il segmento in rapida crescita (a doppia cifra percentuale lo scorso anno) della salumeria “attenta al benessere”. Grazie al ridotto contenuto di grasso e soprattutto di sale, e al suo essere senza glutine e senza lattosio, la nuova linea (supportata da una relazione scientifica dell’Università La Sapienza) è infatti pensata per unire gusto e leggerezza e rispondere in modo concreto alle esigenze dei consumatori di oggi sempre più attenti alla salute.

Proprio sul lancio di Amarsi d⁺ sarà concentrato il grosso del budget comunicazione annuale stanziato dell’azienda, in crescita del 10-15% rispetto al 2013, quando l’investimento dovrebbe essere stato vicino ai 4 milioni di euro, secondo quanto riportato a suo tempo dalla stampa. Al lavoro sulla creatività, che verrà lanciata dopo l’estate in tv e online, oltre che con varie attività Btl, è McCann, agenzia di riferimento del brand così come è confermata ZenithOptimedia per il media.

Nel frattempo, l’azienda si concentra sull’online insieme al nuovo partner MRM//McCann, scelto ad aprile in seguito a una gara e già al lavoro sul rinnovamento totale della piattaforma digitale www.fioruccifood.it e sullo sviluppo delle attività di branded content e social engagement. I primi risultati di questa collaborazione si vedranno entro l’estate: «Coerentemente con il rilancio di Fiorucci in chiave di modernizzazione e innovazione, anche nell’immagine, nella nostra strategia il web è nettamente sovradimensionato rispetto agli standard del nostro settore, assorbendo tra il 20 e il 30% del nostro investimento in comunicazione – ci ha spiegato in proposito Alfieri -. Abbiamo tanto da raccontare e altrettanto da “farci raccontare” sulla grande salumeria italiana, in cui tradizione e modernità di consumo si incontrano continuamente».

Per quanto riguarda sempre Alberto Alfieri, infine, proprio oggi è stato annunciato il suo ingresso nel CdA del Consorizio Mortadella Bologna.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.