Digital Economy, ecco Hephaestus Venture: il fondo di private equity che unisce due continenti

Presentata alla Graduate Business School del MIP Politecnico di Milano la Dual Company. Sarà di supporto alle giovani aziende tecnologiche in Europa e Sud America con l’obiettivo di creare nuovi posti di lavoro. La videointervista al Fondatore e Ceo, Antonino Saccà

di Cosimo Vestito
03 febbraio 2017
hephaestus venture
Antonino Saccà presenta Hephaestus Venture al MIP Politecnico di Milano

È nato un nuovo fondo di private equity a supporto delle giovani aziende tecnologiche. Si chiama Hephaestus Venture, istituito con l’obiettivo di connettere gli ecosistemi delle startup di Italia e Brasile.

«Il progetto è in fase di sviluppo già dal 2015, fin dalla partecipazione all’evento Brasil Day del 3 Novembre 2015, celebratosi al MIP Politecnico di Milano. La scelta del Brasile come mercato di internazionalizzazione non è stata casuale, il deprezzamento della valuta, la vastità della popolazione e la classe media in espansione sono fattori economici positivi per gli investitori stranieri. Nonostante la crisi e l’incertezza politica, il segmento delle startup è rimasto solido, dimostrando di non essere solo una tendenza passeggera di mercato ma una componente fondamentale dell’economia brasiliana», ha dichiarato Antonino Saccà, Ceo e fondatore di Hephaestus Venture.

Giunta a compimento la missione preliminare a Rio de Janeiro, necessaria per stringere accordi ed avviare contatti con aziende e investitori locali, il fondo è stato presentato il 30 gennaio scorso al MIP Politecnico di Milano, in un incontro con gli studenti della Graduate Business School.

«Seguendo la convinzione che le università favoriscono il talento e l’imprenditorialità, stimolando la creazione di nuove imprese, questa è una grande opportunità, per gli stessi istituti, per essere coinvolti nel progetto. Siamo stati ispirati dal modello della Silicon Valley: non c’è da meravigliarsi se è considerata la culla globale delle startup, vista la mole di talenti che università come Stanford, Berkeley e Caltech producono. L’obiettivo di Hephaestus Venture è sviluppare la stessa comunità di giovani imprenditori e manager con università come il MIP Politecnico di Milano, che ci ha dato l’opportunità di presentarci ai loro talenti, nella speranza di creare nuove opportunità di lavoro per i giovani di Italia e Brasile», ha aggiunto Saccà.

Il fondo effettuerà investimenti nelle prime fasi di vita delle aziende (dai pre-seed al Series A) – nei settori della tecnologia finanziaria, dell’energia, della eHealth, della Smart Mobility – operando come Dual Company: il quartier generale, situato a Pavia, ospita i reparti vendita, marketing e amministrazione, mentre l’ufficio di Rio de Janeiro includerà un acceleratore, l’unità di ricerca e sviluppo e per le Operations.

Questa struttura riveste un ruolo strategico in quanto consente di finanziare sia startup brasiliane che cercano di espandersi in Italia, sia aziende italiane intenzionate a introdursi nel mercato brasiliano.

Hephaestus Venture fungerà da intermediario tra investitori e startup, fornendo il proprio servizio ad investitori e imprenditori insieme. Infine, agirà come “fondo dei fondi”, aiutando altri venture capital italiani privati e pubblici, che comparteciperanno agli investimenti, a internazionalizzarsi in Brasile.

Di seguito la videointervista ad Antonino Saccà, a margine della presentazione di Hephaestus Venture al MIP Politecnico di Milano:

 

 

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.