Zenith, il fatturato cresce a doppia cifra nel 2017. In gara per Huawei, FS e Aci

L’agenzia ha organizzato oggi, insieme al Politecnico di Milano, l’evento Creativity in the age of data

di Caterina Varpi
09 novembre 2017
Luca Cavalli
Luca Cavalli

«Zenith chiuderà il 2017 con una crescita a doppia cifra del fatturato, in controtendenza rispetto al mercato», lo rivela Luca Cavalli, ceo di Zenith Italy. Un periodo positivo per l’agenzia che ha vinto recentemente la gara Sace Simest ed è stata riconfermata da L’oreal e Lactalis mentre attualmente «sta partecipando a diversi pitch. Si tratta delle gare di Huawei, che ha avviato una revisione degli incarichi per il media planning and buying a livello internazionale, Ferrovie dello Stato e Aci».

Da qualche mese l’agenzia di Publicis Media ha lanciato una nuova brand identity e nuovo approccio che avrà un ruolo centrale nella marketing transformation, volto alla creazione di strategie di comunicazione personalizzate in ogni step, utilizzando, tra le altre cose, strumenti come il machine learning. In questo si inserisce anche l’organizzazione degli eventi di Marketing Futuro, un gruppo di studio e lavoro creato dall’agenzia con la School of Management del Politecnico di Milano con lo scopo di promuovere la ricerca e il dibattito su iniziative di marketing e comunicazione, con particolare riguardo al futuro in termini di scenari economici, tecnologici e di consumo.

Dopo il primo appuntamento dedicato all’Everywhere Commerce, oggi si è svolto Creativity in the age of data (leggi l’articolo), in cui si è affrontato il rapporto tra dati e creatività, «due elementi protagonisti della rivoluzione digitale» spiega Cavalli durante l’incontro, in cui è emerso come spesso i dati non siano impiegati al meglio e come «ci sia bisogno di un pensiero nuovo, che porti a utilizzare i dati in maniera intelligente e creativa. Sono 18 i miliardi di dollari investiti in tutto il mondo nelle analisi dei dati, con sei milioni di data analyst. Nel 2020 ci sarà, invece, maggiore spazio per una nuova generazione di professionisti, i digital Citizen che supereranno in numero i data analist e cresceranno di 5 volte. Le strategie di comunicazione possono trarre un beneficio enorme dall’interazione tra dato e capacità creativa».

Differenziazione, strategia, interazione sono alcune delle parole chiave per la realizzazione di strategie efficaci.

Ugo Benini, da due mesi Publicis Media, Account Lead – Zenith Italy, Chief Digital Officer, ha sottolineato come la creatività umana sia un fattore differenziante nell’interpretazione del dato.

 

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.