• Programmatic
  • Engage conference

24/09/2018
di Alessandra La Rosa

Wpp potrebbe fondere Young & Rubicam e VML per dare più spazio al digital

Secondo il WSJ, la holding starebbe valutando un'unione tra le due agenzie sull'onda della sempre maggiore importanza dell'online nelle strategie pubblicitarie dei suoi clienti

Dopo la fusione di Mec e Maxus in ambito media, con la creazione di Wavemaker, e quella di Burson-Marsteller e Cohn & Wolfe in campo public relation, Wpp starebbe lavorando ad un'ulteriore concentrazione delle sue agenzie, stavolta sul fronte creativo. In particolare, secondo quanto riporta il Wall Stret Journal citando fonti vicine ai fatti, la holding starebbe considerando l'idea di unire agenzie pubblicitarie "tradizionali" e digitali, sull'onda della sempre maggiore importanza che l'online sta assumendo nelle strategie advertising dei suoi clienti, e considerando anche il ritmo di crescita più lento del proprio business creativo rispetto a quello digital e media. Un'idea che Wpp starebbe valutando, secondo la testata americana, sarebbe quella di una fusione tra Young & Rubicam e l'agenzia digitale VML, con alla guida il Chief Executive di quest'ultima Jon Cook. L'agenzia potrebbe prendere il nome di VMLY&R. Un'altra idea in valutazione sarebbe anche quella di un maggiore coinvolgimento della società di direct marketing Wunderman nei lavori delle agenzie creative, con l'obiettivo di fornire accesso ai dati sui consumatori per la creazione di campagne più rilevanti. La holding non ha confermato le indiscrezioni ma, stando a quanto riporta la testata, il Ceo Mark Read dovrebbe svelare un aggiornamento della strategia entro la fine dell'anno.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI