• Programmatic
  • Engage conference

13/02/2020
di Simone Freddi

Con mcgarrybowen, The Big Now diventa globale (e apre la unit Low in Francia)

“Let Them Call You Lucky”: questo il manifesto del nuovo corso internazionale dell'agenzia guidata da Emanuele Nenna, presentato giovedì a Milano nella Dentsu House

Da sinistra: Pagani, Chiesa, Bowen, Oggiano, Nenna

Da sinistra: Pagani, Chiesa, Bowen, Oggiano, Nenna

Let Them Call You Lucky”: è questa la promessa che ispira il nuovo percorso internazionale di The Big Now/mcgarrybowen, frutto dell’ingresso dell’agenzia guidata da Emanuele Nenna nel network creativo internazionale mcgarrybowen di Dentsu Aegis Network, presente in 15 sedi del mondo. Un’operazione che segna un punto di passaggio importante per la filiale locale della holding anglo-nipponica, evidenziandone in modo importante gli asset creativi in un momento storico in cui, alla luce della frammentazione dei touch point, pubblicità e strategie media devono viaggiare sempre di più a braccetto. «Oggi è il momento in cui Dentsu Aegis Network Italia diventa una cosa nuova, un centro media e un'agenzia che lavorano insieme. Quella che era una visione, poi diventata un progetto, è finalmente realtà», ha detto Paolo Stucchi, Ceo di Dentsu Aegis Network Southern Europe, aprendo l’evento di presentazione del posizionamento e della nuova corporate identity di The Big Now/mcgarrybowen, sottolineando il profilo strategico dell’acquisizione da parte del gruppo di The Big Now nel 2018. Presenti all’incontro, svoltosi giovedì mattina alla Dentsu House di via Benigno Crespi a Milano, il Ceo Emanuele Nenna e i co-founders e managing director Alessia Oggiano, Stefano Pagani e Massimiliano Chiesa, responsabile della unit Low specializzata in moda e lusso. Ospite speciale Gordon Bowen, Founder & Global Chairman di mcgarrybowen, network che con l’ingresso del team italiano di oltre 160 professionisti presenti a Milano e Roma, rafforza la sua offerta europea già consolidata a Londra, Amsterdam e Parigi. Pagani, Chiesa, Bowen, Oggiano, Nenna «Quando abbiamo incontrato il team di The Big Now siamo rimasti impressionati dal loro lavoro, dalla loro cultura e dai loro risultati. – ha detto Bowen -. L’Italia è un importante hub europeo in termini di creatività e innovazione su scala internazionale e non vedo l’ora di mostrare le potenzialità di questa nostra partnership ai nostri clienti a livello locale e globale”. American Express, Generali, Vodafone, Nestlè sono alcuni clienti in cui sono già state attivate collaborazioni a livello di network. Il profilo simile delle due agenzie, con entrambi i percorsi iniziati in modo indipendente e la vocazione all’innovazione basata sul talento, hanno facilitato l’incontro. Da mcgarrybowen, ha spiegato Emanuele Nenna, The Big Now assorbe in particolare il concetto di “unfair advantage”: la vocazione alla ricerca di un particolare differenziante che rende un brand unico rispetto ai competitor, e la tensione a rendere attraverso un percorso di comunicazione efficace questo particolare “outstanding” fino a realizzare la promessa fatta ai clienti: “Let Them Call You Lucky”, ovvero “lascia che ti chiamino fortunato”.

Il nuovo payoff: "true, bold, next"

Il manifesto (qui sotto, un video realizzato dall'agenzia) si traduce in un nuovo payoff, lavorato sulle iniziali della sigla TBN: True, Bold, Next: le tre parole chiave che ispirano il nuovo corso di The Big Now/mcgarrybowen. https://vimeo.com/387753482 Nel mondo della comunicazione di oggi, hanno spiegato alternandosi Pagani, Oggiano e Chiesa, si è True se si lavora su dati e insight corretti, restando in costante connessione con il proprio target, qui sottolineando gli impareggiabili vantaggi in questo senso portati a The Big Now dall’ingresso in Dentsu Aegis Network. Si è Bold quando la creatività ha il coraggio di farsi sentire, e di sfidare i media. Infine, si è Next quando si immagina il futuro lavorando sul presente, padroneggiando l’innovazione fino ad arrivare a crearla, qualche volta.

Prove d'internazionalizzazione: la unit Low sbarca a Parigi

Con l’ingresso nel network globale, l’agenzia The Big Now/mcgarrybowen trasforma dunque la sua offerta creativa da locale a globale. E dopo aver chiuso nel 2019 ‘il miglior anno di sempre’ con dati in crescita per tutti gli indicatori (clienti, fatturato e profitti) l’agenzia consolida la sua presenza sul mercato, acquisendo una dimensione diversa anche in termini di appeal per clienti dal profilo multinazionale. Il nuovo percorso internazionale dell’agenzia coinvolge anche Low, la unit guidata da Massimiliano Chiesa che già sviluppa progetti global per clienti che fanno della premiumness il loro vantaggio competitivo, integrando creatività, tecnologia e R&D. Nei prossimi mesi, infatti, Low si presenterà al mercato francese con un evento organizzato nella maison Dentsu nel cuore di Parigi. Eletta per tre volte “Agenzia creativa dell’anno” da Ad Age e Adweek, mcgarrybowen è un network globale con sede a New York e uffici a Chicago, San Francisco, Londra, Parigi, Amsterdam, Città del Messico, San Paolo, Shanghai, Hong Kong, Bangalore e Milano. Parte di Dentsu Aegis Network dal 2009, l’agenzia è stata fondata nel 2002 ed è riconosciuta a livello mondiale per le sue campagne creative fortemente orientate ai risultati. Tra i suoi clienti: Intel, American Express, Disney, Subway, The Kraft Heinz Company, Marriott, United Airlines, Chevron e Hallmark. Domenica 2 febbraio, durante il terzo quarto del Super Bowl, è stato trasmesso lo spot (vedi video sotto) firmato mcgarrybowen che ha segnato il debutto di Hershey’s, la più grande compagnia statunitense nella produzione di cioccolato, al più importante evento mediatico a livello mondiale. https://youtu.be/9j6ENrR9HE8

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI