Creatività, media e tecnologia nell’Atelier di Teads per il brand Ultima (Affinity Petcare)

Svoltasi nell’ambito del Mese della Creatività, la sessione ha visto la partecipazione dei professionisti di Teads, dei manager dell’azienda e di Havas Media. Obiettivo: elaborare in breve tempo formati pubblicitari coinvolgenti pronti all’uso

di Cosimo Vestito
26 giugno 2020
Teads-Zoom-atelier

Il distanziamento interpersonale, così come tutte le altre misure precauzionali imposte dalla pandemia di Covid-19, hanno stravolto non solo le dinamiche sociali e affettive ma anche le pratiche lavorative e professionali.

Tanti settori hanno dovuto trasformarsi radicalmente, ripensando i propri processi interni e le interazioni con fornitori e clienti. Tra questi, c’è ovviamente anche quello della pubblicità e del marketing digitale che, nonostante le oggettive difficoltà rilevate da tutto il mercato, in virtù della sua naturale propensione all’innovazione tecnologica ha dimostrato di essere preparato per affrontare con successo queste sfide inedite: da una parte garantendo la continuità delle operazioni, dall’altra riadattando offerta e pratiche specifiche.

È su questo solco che si sta muovendo Teads, anche per il suo Atelier. Svoltasi fino all’anno scorso attraverso un confronto fisico ravvicinato e prolungato tra i partecipanti, la sessione collaborativa che riunisce brand, agenzie media, agenzie creative e gli altri attori del settore al fine di sviluppare strategie creative e realizzare formati pubblicitari impattanti, è stata ripensata per permettere a tutti i soggetti coinvolti di intervenire in modalità remota via Zoom.

A partecipare all’edizione del 24 giugno Ultima, marchio del Gruppo Affinity specializzato nella produzione di alimenti per cani e gatti, e la sua centrale di riferimento Havas Media, che assieme a Teads si sono riuniti attorno a un “tavolo virtuale” per sviluppare in tempo reale delle creatività interattive originali per una nuova campagna pubblicitaria online.

Nella prima parte di Atelier, tenutasi nel mattino, Veronica Zarcone, FMCG Industry Director di Teads, Lorenzo Agapito, Creative Strategist di Teads Studio, e Carlotta Messina, Sales Manager di Teads, hanno aperto i lavori presentando la piattaforma di tecnologie creative Teads Studio ed evidenziando le tappe di svolgimento della sessione.

Dopodiché Cecilia Lossano, Marketing Manager Italia Grocery di Affinity Petcare, Elena Pagano, Media Manager di Havas Media, e Katia Ricciuti, Client Director di Havas Media, hanno presentato il brief marketing e i KPI media di riferimento sulla base dei quali i tecnici e i creativi di Teads hanno poi elaborato i vari formati pubblicitari.

Nel dettaglio, il cliente ha assegnato a Teads il compito di progettare una strategia creativa con formati coinvolgenti lavorando su due livelli di comunicazione: i benefici del suo cibo per gatti adulti sterilizzati (controllo del peso dell’animale, agilità e alta qualità degli ingredienti) e la superiorità del prodotto stesso, sottolineando la preferenza per il brand da parte delle famiglie italiane.

image

Le proposte selezionate dal team di Teads – dodici formati interattivi ad alto tasso di engagement prodotti in circa due ore – sono state illustrate al cliente e al centro media nel pomeriggio, durante la seconda parte di Atelier. Le creatività, realizzate seguendo i principi di collaborazione e velocità, sono state visionate, commentate e, infine, validate da Affinity e Havas Media.

“Il marchio Ultima è ancora poco conosciuto in Italia ma sta registrando un alto tasso di crescita. La nostra awareness è più bassa rispetto a quella dei principali competitor, tuttavia in termini di vendite e quote di mercato siamo molto vicini ai nostri concorrenti. A partire da questi dati abbiamo definito gli obiettivi di campagna per Teads: aumentare significativamente la conoscenza dei nostri prodotti attraverso una comunicazione non convenzionale e particolarmente coinvolgente. In questo senso, Atelier funziona in maniera efficace perché ogni sessione produce risultati tangibili”, ha spiegato Lossano.

“Dal punto di vista media, coerentemente con gli obiettivi dell’azienda, la scopo era ingaggiare il più possibile l’utente, e per farlo c’era il bisogno di formati innovativi con performance soddisfacenti in termini di tempo speso sulla creatività. Una volta definiti i KPI, quindi, è stato più facile centrare il bersaglio e ottenere buoni risultati”, ha aggiunto Ricciuti.

“Atelier dà ad agenzie e clienti un’opportunità unica, ossia avere un contatto diretto in un periodo in cui tutta l’industria si sta rendendo conto che media e creatività vanno di pari passo e non possono essere concepiti su piani separati. Infatti, stabilire degli obiettivi precisi ha permesso ai tecnici e ai creativi di focalizzarsi sugli aspetti giusti sin dall’inizio”, ha concluso Pagano.

L’Atelier organizzato con Ultima si è svolto nell’ambito del Mese della Creatività, la prima content series di Teads interamente online volta a raccontare come i processi creativi e le strategie sulla creatività stanno evolvendo nell’attuale situazione dell’industria pubblicitaria.

Attraverso workshop, insight, interviste e casi studio, la società e i partner partecipanti discuteranno fino alla fine di giugno le tendenze creative e le best practice di settore. Le attività si stanno svolgendo in parallelo in tutto il mondo con l’obiettivo di far luce sulle principali sfide e opportunità che il mondo della pubblicità online sta affrontando.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial