Ponte palladiano di Bassano del Grappa, a The Skill lo studio sul danno di immagine

L’agenzia di Andrea Camaiora ha indagato ogni riflesso connesso alla celebre opera su media e opinione pubblica: dalla stampa nazionale e locale, ai social network, fino alle piattaforme web

di Cosimo Vestito
02 agosto 2019
Ponte-the skill

Un’analisi sul danno d’immagine arrecato al comune e al ponte di Bassano del Grappa è stata affidata allo studio di comunicazione The Skill.

L’elaborato, realizzato sotto la supervisione del Ceo e Fondatore dell’agenzia, Andrea Camaiora, docente in “Litigation pr” alla 24Ore Business School e in “Comunicazione” alla Università degli Studi “Niccolò Cusano” e autore del volume “Appunti su diffamazione a mezzo stampa tra comunicazione digitale e rivoluzione della rete” (2018), è parte determinante di un parere pro veritate richiesto dal Comune di Bassano del Grappa al presidente dell’ordine degli avvocati di Padova, avv. Leonardo Arnau (Studio legale Papalia Arnau), teso appunto ad argomentare l’eventuale lesione del diritto d’immagine connessa alle vicende della ristrutturazione del Ponte Vecchio.

Nelle 77 pagine di relazione, Camaiora e il team di The Skill hanno indagato ogni riflesso connesso alla celebre opera palladiana su media e opinione pubblica: dalla stampa nazionale e locale, ai social network, fino a piattaforme web come Tripadvisor, dalle recensioni redatte su Google fino alle pagine social delle istituzioni locali e al complessivo deterioramento della web reputation.

«Il danno all’immagine genera, in capo a chi lo ha cagionato, una responsabilità avente natura aquiliana ed è valutato in astratto, considerando la reputazione formatasi in un determinato momento storico nella coscienza sociale comune, mentre ai fini del risarcimento del danno non rileva ovviamente la considerazione che ogni individuo ha della propria reputazione. Nel caso del Ponte degli alpini, cantato anche nella celebre canzone e protagonista delle pagine più eroiche della Grande Guerra, la notorietà e il valore dell’opera nella percezione pubblica non hanno bisogno di essere troppo argomentate. Nel lavoro svolto da The Skill abbiamo indagato anche, ovviamente, il nesso di causalità. Il tema del contendere, mi sia consentito osservarlo, non è solo squisitamente economico. Oltre al danno all’immagine rilevante civilisticamente, in determinati casi vi possono essere anche conseguenze di carattere penale, basti pensare al rischio di integrare il reato di diffamazione o quello di trattamento illecito di dati», ha spiegato Camaiora.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.