• Programmatic
  • Engage conference

05/12/2018
di Teresa Nappi

Playground, il team creativo cresce con Mirko Colombo e Christopher Keenan

A Colombo va il ruolo di creative director, mentre a Keenan quello di copywriter senior. Il Ceo Gabriele Stroppa: «Saranno due figure importanti per il futuro dell’agenzia»

da sinistra: Christopher Keenan e Mirko Colombo

da sinistra: Christopher Keenan e Mirko Colombo

Playground, digital agency indipendente che da più di 12 anni si occupa di marketing e comunicazione su owned media di grandi brand come The North Face, Napapijri e Generali, ha rafforzato il suo team con due new entry: il creative director Mirko Colombo e il copywriter Christopher Keenan. Colombo viene da una solida esperienza come Deputy art director di Bootique e Senior art director per Triboo. Conoscenze approfondite nei settori del luxury, retail e massmarket per clienti come Luisa Spagnoli, Tacchini e Alessi lo rendono una figura chiave per il team dell’agenzia sia in relazione ai clienti consolidati, sia in ottica di new business. «Passare a una realtà come Playground», dice Colombo, «mi dà la possibilità di dialogare al meglio con il cliente e con tutto il team di progetto, semplificare la comunicazione, e avere un approccio più libero e creativo. In questo senso, un team di 30 persone diventa un punto di forza insostituibile». Keenan, con una lunga esperienza nel campo della moda e dello sport nel Regno Unito così come nel mercato americano, rivestirà invece un ruolo chiave in Playground come copywriter senior, contribuendo a tutte le campagne marketing EMEA. Accogliendo i due nuovi arrivi nel team di Playground, Gabriele Stroppa, uno dei 3 fondatori e Ceo dell’agenzia, ha commentato: «Mirko e Christopher saranno due figure importanti per il futuro dell’agenzia. Abbiamo imminenti collaborazioni con leader di mercato e altre nuove sfide con brand da cui ci aspettiamo molto. Sono orgoglioso che Mirko e Christopher abbiano scelto Playground come il luogo di lavoro ideale per il futuro della loro carriera lavorativa».

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI