• Programmatic
  • Engage conference

20/01/2020

Open-Box chiude il 2019 con 1,8 milioni di fatturato e diventa Gruppo

La digital agency di cui è Founder & Ceo Simone Carusi presenta un nuovo brand, una nuova immagine e struttura di gruppo. Gianni Gaggiani entra in qualità di Creative Director

openbox1_office.png

La digital agency Open-Box presenta un nuovo brand, una nuova immagine e struttura di gruppo. L'agenzia di sviluppo e comunicazione digitale specializzata in social media, content e influencer marketing cambia pelle per supportare la crescita dell’ultimo triennio e si presenta con un nuovo logo, un nuovo sito e conseguentemente una nuova immagine sui social e nella comunicazione aziendale. Il motivo del rebranding è conseguente alla crescita di fatturato, clienti e team e per dare un segno visivo al cambio da agenzia a gruppo. Dopo un incremento del 40% nel 2018, il 2019 ha visto un ulteriore aumento del 30%, segnando 1,8 milioni di Euro di fatturato, accompagnato anche dalla crescita del team e del parco clienti. Un’evoluzione figlia anche dei progetti di social media, e soprattutto dell’influencer marketing, settore che vede l’agenzia e il suo Partner Matteo Pogliani da anni in prima linea, anche con la nascita dell’ONIM (Osservatorio Nazionale Influencer Marketing). E' entrato in agenzia Gianni Gaggiani, in qualità di Creative Director, che in precedenza ha lavorato prima nella startup Grow The Planet e poi in H-Farm. “Sono estremamente soddisfatto - racconta Gaggiani - di essere parte di questo nuovo corso. Trovo infatti una realtà matura ma con ancora ampi margini di crescita. Il mio ruolo sarà quello di coadiuvare e supportare il trend degli ultimi anni, portando la mia esperienza sui temi del branding e della creatività. Un momento positivo da celebrare con diverse novità, a partire dalla nostra nuova immagine aziendale e dal nuovo sito che renderanno la nostra agenzia più vicina alle sfide odierne.” Presto l'agenzia aprirà anche una nuova sede a Milano, che va ad aggiungersi a quelle di Arezzo e Londra, per operare ancora più in stretto contatto con partner e clienti. Il network di Comunicatica, nato nel 2017 e di cui Open-Box fa parte, viene superato e si integra in Open-Box: “Con questo nostro rebranding - ha aggiunto Jacopo Paoletti, Partner & Cmo di Open-Box - si conclude positivamente anche l’esperienza iniziata tre anni fa con Comunicatica, che è stato il primo network liquido di startup e PMI del digitale, e inizia il consolidamento delle nostre partnership e partecipazioni dirette e indirette verso un gruppo societario vero e proprio, che vedrà Open-Box come capofila. Fra i nostri goal c’è quello di dar vita ad un hub diffuso dell’innovazione digitale, che unisca il modello dell’agenzia strutturata con realtà verticali di prodotto ad alto potenziale (come Vidoser, Seo Tester Online, Userbot e Coderblock), con il fine comune di creare nuove opportunità per i nostri clienti a supporto delle strategie di digital transformation ed open innovation.” Il focus sarà su social media, performance marketing e influencer marketing: “Il nostro primo obiettivo per il futuro - conferma Simone Carusi, Founder & Ceo di Open-Box - è quello di continuare il trend dell’ultimo triennio, rafforzando l’impegno in quei settori ormai chiave per noi come social media, performance marketing e influencer marketing. Una volontà che ci ha spinto ad importanti cambiamenti, necessari per mantenere alto lo standard qualitativo dei nostri progetti e rispondere alle esigenze di clienti sempre più strutturati e complessi. Ne sono esempio l’apertura della nuova sede di Milano e il consolidamento di Comunicatica all’interno di Open-Box, opportunità che ci permetteranno di rafforzarci ed espanderci ulteriormente, continuando ad avere una vision capace di guardare alla crescita e al costante miglioramento.” “Sfide sempre più impegnative - sottolinea Matteo Pogliani, Partner & Head of Digital di Open-Box - necessitano di una realtà costantemente in evoluzione, pronta a migliorarsi giorno dopo giorno. Questo deve tradursi giocoforza in maggior impegno, know-how e in un team flessibile, per competenze e operatività. A questo si affianca un investimento rilevante nel brand Open-Box, di cui il rebranding e la sede milanese saranno solo i primi elementi più evidenti, nonché investimenti necessari per proseguire la nostra visione.”

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI