• Programmatic
  • Engage conference

08/03/2019
di Alessandra La Rosa

Mondelez, in gara la creatività globale. "Il digital al centro del nostro approccio"

La multinazionale, tra i più grossi inserzionisti al mondo, punta a un nuovo piano di crescita, con l'online al centro dell'approccio di marketing. L'estata scorsa la scelta dei partner media

Mondelez International ha avviato una revisione dell'incarico creativo a livello mondo. Secondo quanto riporta AdAge, la multinazionale proprietaria di brand come Oreo, Ritz, Philadelphia, Fonzies e Milka, avrebbe già avvertito alcune holding pubblicitarie. "Rivediamo costantemente le nostre strategie e collaborazioni, per assicurarci di essere preparati al meglio per il futuro. Con un nuovo piano di crescita e un nuovo modello operativo, metteremo il digital al centro del nostro approccio di marketing. Siamo alle prime fasi di valutazione della nostra struttura", ha spiegato la società alla testata americana. Mondelez ha lavorato con un ampio gruppo di agenzie appartenenti a varie holding pubblicitarie, tra cui FCB di IPG, Ogilvy di WPP, Leo Burnett di Publicis (vincitore recentemente in Italia di una gara per il brand Sottilette) e McGarryBowen di Dentsu Aegis. Non è chiaro se nelle intenzioni della società c'è quella di consolidare l'incarico creativo nelle mani di un più ridotto numero di agenzie. Sta di fatto che l'azienda è un big spender, al 91esimo posto tra i più grossi inserzionisti al mondo secondo dati di AdAge, con un budget pubblicitario che nel 2017 si aggirava intorno agli 1,25 miliardi di dollari. E come cliente fa certamente gola a svariate agenzie. Esattamente un anno fa, a marzo 2018, Mondelez aveva avviato una gara globale per il media, conclusasi in estate con la ripartizione dell'incarico tra Carat - agenzia di riferimento in Italia -, GroupM, Spark Foundry e VaynerMedia.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI