• Programmatic
  • Engage conference

10/11/2020
di Simone Freddi

Media Asset, Marco Ferrari è il nuovo Head of Sales & Business Development Manager

Nuovo ingresso per la società guidata da Vincenzo Augurio che opera nel mercato della comunicazione data-driven anche con il marchio BigData.it

Marco Ferrari

Marco Ferrari

Novità in casa Media Asset: la società italiana specializzata in gestione del dato e comunicazione data-driven, mercato in cui opera anche con il marchio BigData.it, annuncia l'ingresso di Marco Ferrari come nuovo Head of sales & Business Development.


Leggi anche: MEDIA ASSET, DAI DATI AI CONTENUTI PROPRIETARI PER UN MARKETING CHE METTE AL CENTRO L'UTENTE


Con la nomina di Ferrari, professionista specializzato in ambito sales & marketing con con una esperienza di oltre 15 anni nel mondo del digitale, Media Asset sottolinea la propria volontà di diversificazione ed espansione sul mercato italiano. 

“Con l’ingresso di Marco Ferrari", sottolinea infatti Vincenzo Augurio, Chairman e Group Ceo di Media Asset Srl e Gruppo Impiego24.it (società che ha recentemente acquisito importanti portali ampliando ulteriormente il patrimonio di dati dei progetti editoriali), “il nostro gruppo conferma come in questo momento di crisi globale le imprese devono dimostrare coraggio e visione: Marco avrà la responsabilità di migliorare e rafforzare il posizionamento dei nostri asset presso tutta la filiera dell'eco-sistema pubblicitario sviluppando anche partnership per un business sempre più sostenibile, integrato e inclusivo”. 

Media Asset si definisce come una "MadTech Company 100% italiana" che, grazie a un vasto patrimonio di dati consensati raccolti grazie alla propria tecnologia e alle proprie properties editoriali, è specializzata nell'aiutare le aziende di qualsiasi dimensione a far crescere il proprio business generando un ritorno positivo sull'investimento pubblicitario, anche attraverso il marchio BigData.it. Media Asset vanta le certificazioni Iso 9001 e Iso 27001. Quest'ultima in particolare, spiega la società, è l'unica norma internazionale soggetta a verifica e certificabile che definisce i requisiti per un SGSI (Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni) ed è progettata per garantire la selezione di controlli di sicurezza adeguati e proporzionati.

“La missione di Media Asset e del team di account che andrò a coordinare”, spiega Marco Ferrari, “è affiancare le aziende che investono in pubblicità e le agenzie che seguono gli advertisers con l'obiettivo sia di aiutarli a far crescere il loro business sia di semplificare tutte le loro operazioni quotidiane, fornendo loro soluzioni efficienti e flessibili e sempre più vicine alle singole esigenze, consentendo di migliorare la targetizzazione e ottimizzazione degli investimenti pubblicitari".

Media Asset, grazie anche ai suggerimenti dello stesso Ferrari, sta già lavorando alla definizione di ulteriori soluzioni tecnologiche innovative. “La prossimità di un web cookieless – prosegue il manager - ha indotto e deve indurre l'intero eco-sistema pubblicitario ad avviare ciò che io definisco una swap-mentality: la creazione di profili - utente in base all'identità, grazie all’estrazione di insight utili a partire da grandi quantità di dati frammentati ovviamente con il consenso cross-device ed attraverso metodi automatici o semi-automatici. Una soluzione che stiamo notando essere una risposta molto efficace ai molti ostacoli e criticità finora affrontati dal settore, inclusa la rimozione dei cookie di terze parti. Una clusterizzazione geografica, anagrafica (sesso, età), socio-economica, per interessi, propensione o abitudine all'acquisto rappresenta una soluzione di data-mining molto affine per esempio al canale direct email marketing e ad altre soluzioni che Bigdata.it mette a disposizione”. 

“In questo momento particolare di emergenza sanitaria”, conclude Marco Ferrari, “gli investitori pubblicitari e le agenzie trovano in Media Asset-Bigdata un partner primario necessario in grado di riprogettare strategicamente l'interazione con i consumatori e le strategie di branding awareness e performance".

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI