• Programmatic
  • Engage conference

05/09/2019
di Cosimo Vestito

Hearst Italia, accordo strategico con Hoopygang per l'influencer marketing

La collaborazione prevede la vendita di servizi di analisi e selezione di oltre 150.000 profili su cinque diverse piattaforme social che la tecnologia proprietaria della società è in grado di fornire

Simone Pepino

Simone Pepino

Hearst Italia e Hoopygang hanno stretto un accordo strategico per la vendita di servizi di analisi e selezione di oltre 150.000 profili su cinque diverse piattaforme social che la tecnologia proprietaria della società di influencer marketing è in grado di fornire. D'ora in poi, quindi, sulle testate del Gruppo editoriale gli inserzionisti potranno pianificare campagne pubblicitarie coinvolgendo influencer e talenti appartenenti al network di Hoopygang su Instagram, YouTube, TikTok, Facebook, YouTube, Twitter e LinkedIn. “Abbiamo scelto Hoopygang dopo un’attenta valutazione di tutte le realtà attive sul mercato e sappiamo di avere l’opportunità di lavorare con il partner tecnologicamente più avanzato del settore", afferma Marco Cancelliere, direttore generale advertising Italia, "La nostra azienda ha scelto la strada del “servizio completo” anche in ambito social e influencer marketing, pensiamo infatti che sia limitante provare a costruire una rete di talent quando l’offerta disponibile sul mercato è in continua e costante evoluzione e praticamente infinita. Alcune ricerche di settore parlano di un mercato che supera abbondantemente i 200 milioni di euro all’anno di investimenti in Influencer Marketing. Se queste cifre dovessero essere confermate, stiamo parlando di valori pari al 50% del totale raccolta digitale Fcp in Italia. È evidente che gli spender italiani stanno drenando risorse dai mezzi tradizionali a favore dei social media. In Hearst siamo convinti che un’attività di influencer marketing abbinata alla produzione di contenuti di qualità, alla nostra audience totale sempre più qualificata e numerosa siano insieme il modello di comunicazione perfetto per soddisfare sempre meglio i bisogni di comunicazione delle aziende nostre clienti”. “Non nascondo che questa partnership ci riempie di orgoglio e ci conferma che la direzione intrapresa lo scorso dicembre è quella corretta", afferma Simone Pepino, COO di Hoopygang, "Per questo abbiamo lanciato la piattaforma di influencer marketing in grado di garantire assoluta trasparenza agli investitori e di tracciare i risultati fino alla parte bassa del funnel. I filtri antifrode, l’analisi dei profili degli influencer e i sistemi di tracciamento avanzati ci permettono quindi di fornire un prodotto media estremamente performante". Simone Pepino-hoopygang "L’unione con Hearst", ha proseguito Pepino, "ci permette di chiudere il cerchio e di poter utilizzare, oltre agli influencer, anche dei contenuti di qualità altissima e appoggiarci ad una forza vendita che per professionalità e competenza non ha eguali. La sfida oggi è quella di portare l’influencer marketing all’interno del mediamix e di renderlo scalabile e confrontabile con tutti gli altri mezzi, in modo da potergli attribuire il peso corretto all’interno delle pianificazioni, basandosi su dati numerici e non opinabili. Sono certo che attraverso questa partnership, Hearst ed Hoopygang diventeranno presto il punto di riferimento per le pianificazioni attraverso gli influencer e introdurranno un nuovo approccio per pianificarli”. “La partnership con Hearst segna il passaggio a un livello superiore che ci permetterà di ispirare ed intrattenere le next-generation con un nuovo linguaggio di narrazione sempre più completo e coinvolgente basato su conversazioni accuratamente ritagliate sui gruppi di relazione”, ha concluso Sheila Salvato, Founder e Creative Director di Hoopygang.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI