• Programmatic
  • Engage conference

19/06/2018
di Lorenzo Mosciatti

Doing, ricavi ad oltre 28 milioni di euro e nuovi talenti

L'agenzia guidata dal General Manager Simone Cremonini continua a investire nelle risorse umane

Doing-2.jpg

La squadra di Doing si rafforza grazie all’ingresso di un consistente gruppo di nuovi talenti. Negli ultimi mesi, infatti, l’agenzia, reduce da un 2017 chiuso con un fatturato di oltre 28 milioni di euro,  ha accolto 40 nuovi professionisti e 23 stageur, con un ritmo di più di un’assunzione a settimana e una permanenza a fine stage del 75%. Delle 5 sedi, i nuovi ingressi hanno interessato Milano, Roma e Kuala Lumpur, in Malesia, dove Doing ha aperto un ufficio nel 2017 per presidiare la capitale mondiale del service design e della tecnologia. “La squadra di Doing cresce ogni giorno”, dice Simone Cremonini, General Manager di Doing. “Il nostro obiettivo è quello di attrarre talenti e di poter offrire ai nostri clienti delle professionalità sempre aggiornate e in grado di comprendere le esigenze e i processi legati a ogni singolo progetto”. Doing ha diverse anime: combina consulenza, creatività & contenuti, dati e tecnologia, per offrire al mercato le migliori soluzioni di marketing, comunicazione e digital transformation. Le nuove assunzioni rispecchiano totalmente questa varietà di competenze, infatti, i nuovi ingressi includono diverse professionalità tra cui: Marketing Manager, Client Manager, Project Manager, Digital PR, Social Team Leader, Social Caring Coordinator, Social Media Manager, Content & Community Manager, Service Designer, UX & Interaction Designer, Designer, Art Director, Copywriter. E ancora, Business Analyst, Data Scientist, Digital Analyst, ADV & Media Manager, Technical Lead, IT Lead, Web Developer, Quality Assurance Tester, HR Manager, HR & Talent Acquisition Specialist, Vice President Innovation, Business Operation Specialist, Purchasing Agent, Accounting Officer. L’obiettivo di Doing è quello di continuare a investire sulla ricerca dei talenti per arricchire sempre di più l’offerta di competenze, ma anche e soprattutto di mantenere un ambiente favorevole per la crescita del personale, come conferma Diego Chiavarelli, Ceo & founder dell’agenzia: “Abbiamo capito ormai da tempo che l’asset strategico di Doing sono le persone. Operiamo in un settore estremamente dinamico e fluido e dobbiamo essere bravi a dare ai giovani talenti delle prospettive di crescita con noi. Se crescono loro, cresce Doing”. Doing-2

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI