• Programmatic
  • Engage conference

17/07/2019
di Caterina Varpi

DigiTouch lancia una nuova soluzione di Experience Design

Il Gruppo guidato da Simone Ranucci Brandimarte presenta una nuova offerta che fa leva sull'analisi del comportamento dell’utente sulle interfacce, sulla simulazione di percorsi di interazione e sull’analisi predittiva dei comportamenti di navigazione

Dopo due mesi dall'acquisizione di Meware e a poche settimane dal lancio di uno strumento nell’ambito dell’intelligenza artificiale e del machine learning applicata alla business intelligence, Gruppo DigiTouch presenta una nuova soluzione di Experience Design, che mette a fattor comune le offerte tecnologiche, di marketing e di design del Gruppo, contando sull’intelligenza artificiale e sul cloud. In particolare, l’integrazione dell’experience design di DigiTouch con le tecnologie di machine learning di Meware permette il Gruppo di lanciare sul mercato una nuova offerta che fa leva sull’analisi del comportamento dell’utente sulle interfacce, sulla simulazione di percorsi di interazione e sull’analisi predittiva dei comportamenti di navigazione. Le soluzioni puntano sulla scalabilità del cloud. Per la realizzazione delle interfacce, il Gruppo sfrutta le competenze dei suoi professionisti e le innovazioni tecnologiche attraverso un processo che si compone di tre macrofasi: analisi, elaborazione e prototipazione. Il ciclo si conclude con lo sviluppo di soluzioni fully responsive che, indipendentemente dal touchpoint (app, desktop e mobile), offrono l’esperienza più adatta in contesti mobili. Le attività di progettazione utilizzano un approccio user centered design, i cui pilastri strategici sono: la co-creazione, la prototipazione, l’iterazione e l’approccio olistico. Il processo di Service Design si focalizza sulla comprensione di chi userà il sito e del suo contesto d’uso. La sfida che si prospetta è l’applicazione dell’intelligenza artificiale all’analisi del comportamento dell’utente sulle interfacce, al fine di predirne l’interazione. Le scelte tecnologiche sono effettuate sulla base del processo di progettazione e puntano a garantire robustezza, prestazioni, sicurezza ed elasticità evolutiva, spiega la nota stampa. I framework metodologici adottati, come l’approccio Devops, e le tecnologie utilizzate permettono di contare su distribuzione rapida, sicurezza e un’esperienza di navigazione e di interazione in linea con le esigenze delle persone. Il processo di test & learn combina soluzioni automatizzate al coinvolgimento di utenti reali, per raccogliere feedback in modo continuativo ed evolvere l’esperienza utente. «Il design delle esperienze si integra perfettamente con l’offerta del Gruppo DigiTouch che spazia principalmente dall'advertising, alla tecnologia, fino a Business Intelligence e Artificial Intelligence, contenuto, creatività, Seo, Cro e Cloud. La nostra soluzione adotta paradigmi creativi e tecnologici nuovi con l’ambizione, nel prossimo futuro, di sfruttare l’AI al fine di migliorare la customer experience tramite la simulazione artificiale dei percorsi utente. Siamo e saremo sempre più attivi nella progettazione di soluzioni tecnologiche e di customer experience per i nostri clienti», afferma Simone Ranucci Brandimarte, Presidente, Gruppo DigiTouch. La proposta di experience design arricchisce l’offerta del Gruppo e concorrerà ai risultati previsti nel piano industriale 2020-2022, che verrà presentato a novembre 2019.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI