• Programmatic
  • Engage conference

20/11/2019
di Cosimo Vestito

Diana Corp lancia dAgency, nuova divisione per semplificare la gestione interna dell'ecommerce

Basata su Shopify, la piattaforma cloud si rivolge aziende dei settori moda, food, design, bellezza e gioielleria che partono da zero o necessitano di una soluzione “leggera”

Un momento della tavola rotonda

Un momento della tavola rotonda

Con l'obiettivo di semplificare e innovare la vendita online e permettere alle aziende di sviluppare un servizio di ecommerce senza ricorrere a elevati investimenti, Diana E-commerce Corporation amplia la sua offerta con dAgency, una nuova divisione dell'agenzia dedicata alle aziende dei settori moda, food, design, bellezza e gioielleria che partono da zero o necessitano di una soluzione “leggera”. dAgency è stata presentata ieri in occasione dell’evento organizzato nella sede milanese di Diana Corp, durante il quale si è svolta una tavola rotonda intitolata “Making E-commerce Smart”, che è stata moderata dal giornalista Gianluca Cantaro e ha visto la partecipazione dello chef Carlo Cracco, gli imprenditori Riccardo Pozzoli, la moglie Gabrielle Caunesil, Massimiliano Benedetti e Barbara Corti, Head of International Marketing di Flos. Basata sulla piattaforma Shopify, dAgency è una soluzione in cloud che consente di agevolare la gestione in-house di ecommerce, con costi accessibili e scalabili, prestazioni senza limiti e tempi di intervento notevolmente ridotti. La sua strategia prevede, infatti, di rendere più semplice la vendita su internet con costi di gestione automaticamente più bassi e con un supporto costante a 360° che parte da un’attenta analisi sia della situazione attuale e pregressa del cliente sia degli obiettivi futuri. Oltre che del setup iniziale, dAgency si occupa della system integration e può seguire i clienti con una serie di servizi, dalla consulenza strategica alla direzione artistica, non in un pacchetto ‘tutto incluso’, ma attivabili, all’occorrenza, quanto e quando ogni marchio ne ha bisogno. Inoltre, poiché lo sviluppo e la manutenzione tecnologica sono delegati a Shopify, l'azienda cliente può concentrarsi sulla sua strategia, e non sull’IT, gestendo e personalizzando il proprio negozio digitale. «Vogliamo mettere a disposizione di chi inizia ora a vendere online tutto quello che abbiamo imparato in questi anni dall’esperienza di Diana, che rispetto a dAgency lavora con clienti più enterprise. Al giorno d’oggi non si deve più chiedere ai brand di gestire complesse infrastrutture tecnologiche ed è per questo che abbiamo voluto ideare una soluzione dinamica e intuitiva, che chiunque è in grado di gestire. Le aziende in questo modo hanno il pieno controllo e delegano ad altri solo ciò che non intendono presidiare. Con dAgency abbiamo raggiunto un nostro grande obiettivo, ossia quello di portare, sin dal primo giorno, valore e know-how all’interno delle realtà con cui lavoriamo. Ad oggi hanno creduto in noi più di venti brand e contiamo di arrivare a trenta entro i prossimi sei mesi», afferma Stefano Mocellini, Founder & Ceo di Diana Corp. Tra i primi progetti realizzati da dAgency, che ad oggi sono più di venti, ci sono il sito ecommerce di Carlo Cracco – un progetto che fa parte di un percorso più ampio di trasformazione digitale –, online da dicembre, e quello del fashion brand La Semaine, fondato da Riccardo Pozzoli e Gabrielle Caunesil, che propone un outfit esemplificativo per ogni giorno della settimana, al quale è associata di volta in volta una citazione diversa. «La formula di dAgency è pensata per le piccole e medie imprese e per le startup intenzionata ad attivare una canale ecommerce, la struttura è in grado di offrire un servizio ad elevate prestazioni con un ottimo rapporto qualità-prezzo. Abbiamo superato i 20 progetti nel 2019 e contiamo di raggiungere i 30-50 progetti complessivi nel 2020, è la soglia entro la quale riusciamo a garantire una cura ottimale per i nostri clienti», ha aggiunto Mocellini. Diana Corp, intanto, si prepara a lanciare l'ecommerce di Acqua di Parma a gennaio 2020, a cui si aggiungeranno poi nel corso dell'anno i progetti di due nuovi marchi clienti.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI