• Programmatic
  • Engage conference

26/02/2016
di Simone Freddi

Best Workplaces 2016 Italia: Criteo e zanox salgono sul podio

Due tra i più importanti player del performance marketing al primo e terzo posto nella categoria "small" del prestigioso riconoscimento alle imprese che offrono i migliori ambienti di lavoro ai propri dipendenti

great-places-to-work.png

Il performance marketing in Italia mostra… performance di tutto rispetto anche quando si parla di qualità del posto di lavoro dei propri collaboratori: due tra le imprese più importanti del settore, Criteo e zanox, sono infatti salite sul podio del dei Best Workplaces 2016 Italia, il prestigioso riconoscimento alle aziende che offrono i migliori ambienti di lavoro ai propri dipendenti. Sia Criteo sia zanox sono state premiate nel ranking dedicato alle aziende con meno di 50 dipendenti, classificandosi rispettivamente al primo e al terzo posto. La serata di premiazione si è tenuta ieri sera, giovedì 25 febbraio, presso le Officine del Volo a Milano.

Alberto Torre
«Il Great Place to Work è un riconoscimento che riempie di orgoglio tutto il nostro gruppo», ha dichiarato Alberto Torre, responsabile della sede italiana di Criteo. La società, che realizza campagne personalizzate di performance marketing su scala globale fornendo i suoi servizi a oltre 10.000 inserzionisti in tutto il mondo, è presente con una sede italiana solo dal 2012, dove attualmente ospita 24 dipendenti. Il primo posto in classifica è un riconoscimento al valore delle persone e al modello organizzativo di Criteo Italia, dove i dipendenti sono accolti in un ambiente di lavoro eccellente e di respiro internazionale, sono stimolati a realizzare le proprie ambizioni, le proprie idee e i propri sogni tramite contest interni, programmi di interscambio con altre sedi Criteo nel mondo e Team Building. In più, in Criteo si creano relazioni molto profonde tra i dipendenti, aiutate dai benefit, dagli eventi a sfondo sociale come l’aperitivo a Dialogo nel Buio e gli eventi interni che vengono organizzati una volta al mese per tutto il team. «La cura delle relazioni umane, il team working e un ambiente di lavoro sereno e stimolante, sono le basi per offrire l’eccellenza ai clienti. Questo riconoscimento è per tutti noi uno stimolo per continuare in questa direzione e una sfida per migliorare sempre il servizio che stiamo offrendo», ha detto Torre.
Il team italiano di Criteo
Sul terzo gradino del podio dei Best Workplaces 2016 Italia nella categoria “small si è invece classificata zanox, peraltro al suo primo anno di partecipazione al premio. zanox Italia fa parte del Gruppo zanox, che ha il suo quartier generale a Berlino e comprende anche le società Affiliate Window ed eprofessional; opera in Italia dal 2005, con sede a Milano, come azienda pioniera nel mercato europeo del performance marketing con l'obiettivo di fornire risultati tangibili e misurabili ai propri clienti. L’azienda, alle sue origini, si fondava su un organico di quattro persone, oggi il team italiano è composto da 30 professionisti del digital marketing, giovani appassionati di performance e dotati del giusto mix di conoscenza, esperienza e tecnologia, che supportano oltre 300 clienti a vendere in maniera efficace i propri prodotti e servizi su Internet. “Essere uno dei Best Workplace italiani ci riempie di gioia e di orgoglio. zanox Italia è prima di tutto un business fatto di persone in cui ciò che conta è il benessere dei lavoratori e la qualità, non solo del servizio che diamo ai nostri clienti, ma soprattutto della vita e dell’ambiente di lavoro che offriamo ai dipendenti. Per noi l’ufficio deve essere come la cucina di casa: sufficientemente informale in modo da far sentire tutti a proprio agio e creare le migliori condizioni per esprimere al meglio il proprio talento, ma allo stesso tempo stimolante e focalizzato sull'obiettivo», ha commentato Sheyla Biasini, Country Manager di zanox Italia.
Sheyla Biasini, la seconda da sinistra, ritira il premio
Come ogni anno, la classifica dei migliori ambienti di lavoro è stata stilata in base ai risultati di due questionari: il primo, che ha un peso più rilevante nel punteggio finale, è compilato dai dipendenti e valuta il livello di fiducia reciproca verso il management aziendale, l’orgoglio per il proprio lavoro e la qualità del rapporto con i colleghi. Il secondo invece è rivolto all'azienda stessa e riguarda l’analisi delle politiche aziendali di gestione delle risorse umane.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI