Conversion spiega cosa non è il Conversion marketing nel suo nuovo libro

Sergio Spaccavento, Ecd dell’agenzia: «Convertire oggi significa prendere per mano il consumatore e stabilire con lui una relazione costante, proiettata all’acquisto, alla frequenza, alla fedeltà e alla comunanza di valori»

di Caterina Varpi
25 gennaio 2017
sergio-spaccavento-engage
Sergio Spaccavento

Conversion pubblica un nuovo libro in versione cartacea ed eBook dal titolo Conversion sine qua non, dedicato al Conversion marketing.

Il volume vuole raccontare cosa non è il Conversion Marketing, cosa non fa e cosa non può non fare, spiegando, in pochi passaggi, cosa si deve evitare, cambiare, capovolgere per poter intraprendere un percorso che sia ingaggiante e omnichannel.

Per citare alcuni passaggi del testo: “Il Conversion Marketing non è una moda. E’ una missione”. Nel nuovo scenario di consumatore ubiquo, always on e consapevole, i vecchi modelli di engagement hanno perso la loro efficacia: pensare di replicarli non ha più senso. Oggi è un dovere seguire i consumatori su ogni touchpoint del loro processo di acquisto, agganciarli in una relazione di lungo periodo e convertirli, man mano, da lead a shopper, da shopper a buyer, da buyer a loyal, da loyal ad advocate, un processo continuo definito, in sintesi “the art of conversion”.

Il Conversion Marketing non è solo sell-out. E’ tanto altro”. E’ conversione in Lead, Shopper, Buyer, Loyal e Advocate. L’obiettivo è capire in quale fase del funnel si trovi il consumatore e adattare strategia ed azioni di conseguenza. Bisogna offrire valore alla vita del consumatore e alle sue scelte, contestualmente al suo bisogno, luogo e momento. Ma cos’è il valore per il consumatore? Può essere molte cose, a seconda della fase di vita della relazione, può essere un’informazione preziosa, un servizio, un’app e certamente in momenti precisi anche uno sconto.

Inoltre, “il Conversion Marketing non può non essere che omnichannel”. Lo shopper è diventato omnichannel, sempre connesso; si sposta tra i touchpoint in modo fluido, a seconda dell’esigenza del momento. Non si tratta semplicemente di pensare ad attività che vivano contemporaneamente su più canali, ma significa concepire idee ed execution multicanale, che sappiano seguire con coerenza il consumatore su touchpoint rilevanti e con messaggi di engagement pertinenti al contesto, al momento e ai suoi bisogni.

Sergio Spaccavento, Ecd dell’agenzia, commenta: «Convertire oggi significa prendere per mano il consumatore e stabilire con lui una relazione costante, proiettata all’acquisto, alla frequenza, alla fedeltà e alla comunanza di valori. Questo è il posizionamento innovativo che Conversion continua ad adottare e che permette a tutto il team di affrontare le sfide, presenti e future, con ottimismo e consapevolezza».

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.