• Programmatic
  • Engage conference

09/12/2019
di Caterina Varpi

Imille, Antonio Di Battista nuovo Creative Director e Head of Storytelling

Insieme al nuovo direttore creativo, arrivano nell'agenzia guidata da Paolo Pascolo due Creative Lead, Marta Nava e Martino Caliendo

Antonio Di Battista

Antonio Di Battista

Imille, che punta a chiudere il 2019 con 8 milioni di euro di global turnover (ne abbiamo parlato qui), rafforza la propria area creativa con tre nuove figure che integrano un team cresciuto negli ultimi anni. Entra in agenzia in qualità di Creative Director e Head of Storytelling Antonio Di Battista. Con quindici anni di esperienza professionale trascorsi tra Saatchi & Saatchi, TBWA, Leo Burnett Torino, Grey e Wunderman Thompson, nel corso della sua carriera Di Battista ha collezionato numerosi premi nazionali e internazionali: Cannes, London International Awards, New York Festival, Webby Awards, Art Director Club Europe, FWA e Radio Festival. È stato docente di scrittura creativa presso l’Accademia delle Arti e delle Nuove Tecnologie di Roma e sarà parte della Grand Jury del New York Festival nel 2020. Insieme a lui arrivano due Creative Lead, Marta Nava e Martino Caliendo. Entrambi specializzati al Politecnico di Milano, dopo un’esperienza in Young&Rubicam (ora Vmly&r), la prima e in BCube, il secondo, i due lavorano insieme in Saatchi&Saatchi e successivamente in Havas, dove vincono l’Art Directors Club Italiano e l’Hack for Good organizzato da Facebook, fino a rappresentare l’Italia ai Giovani Leoni nel 2017. "Abbiamo scelto Antonio all’interno di una strategia di crescita sviluppata due anni fa, e che nel prossimo triennio punta da un lato a una maggiore integrazione tra le varie aree e, dall’altro, a una ulteriore internazionalizzazione attraverso progetti trasversali alle nostre diverse sedi", afferma Paolo Pascolo, Ceo di Imille."Nel corso del 2018 e del 2019 abbiamo lavorato molto in questa direzione, sviluppando campagne in cui la creatività dialoga con la tecnologia, portando a risultati tangibili per aziende come Barilla, Cameo, Carlsberg, Enel, Itas e tante altre. Nell’immediato futuro figure come Antonio, Marta e Martino ci permetteranno di diventare ancora più competitivi sul fronte creativo, creando futuri migliori insieme ai nostri clienti".

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI