• Programmatic
  • Engage conference

11/03/2019
di Caterina Varpi

ADCI: Vicky Gitto rieletto presidente anche per il prossimo triennio

Nella giornata di sabato 9 marzo, sono stati eletti da parte dei Soci ADCI i componenti del nuovo Direttivo

Vicky Gitto è il presidente dell'Art Directors Club Italiano anche per il prossimo triennio. L’assemblea dei soci, riunitasi a Milano il 9 marzo, ha assegnato a Gitto 214 voti contro i 132 ottenuti dall’altro candidato, Paolo Iabichino. Il numero di soci votanti (346) è il più alto nella storia del club. Ecco il nuovo consiglio direttivo. Gitto è affiancato dalla vicepresidente, Stefania Siani, di Dlvbbdo, e il Segretario Generale, Caroline Yvonne Schaper, ADCI Servizi srl. I Consiglieri sono Jack Blanga di EY Yello, Karim Bartoletti di Indiana Production, Nicola Rovetta di Mullenlowe, Luca Cinquepalmi di Publicis, Samanta Giuliani di The Big Now e Francesco Bozza di FCB. Il collegio dei Probiviri sarà composto da Gianguido Saveri di BEWE – Enable Digital Marketing, Massimiliano Maria Longo di YourDigital e Fondazione Homo ex Machina, Lorella Montanaro di Hasta Manana con Supplente Maurilio Brini di Lorenzo Marini Group. Nella squadra figurano anche: Giuseppe Mastromatteo di Ogilvy Italy come Art ambassador. Angela Pastore e Vincenzo Piscopo (Campania), Massimo Valeri (Bologna), Marco Diotallevi (Roma), Davide Iacono (Sicilia), Andrea Foresi (Marche) sono i Local ambassador mentre Ottavio Nava di We Are Social è il Presidente Adci Servizi. «Siamo estremamente felici di questo risultato che rappresenta una risposta chiara agli importanti risultati e ai nuovi traguardi raggiunti nel triennio del mandato precedente. Il consiglio che con me affronterà questo triennio è composto da professionisti di grande esperienza e talento - ha commentato Vicky Gitto. - Spazio a internazionalizzazione e formazione per i più giovani, strategie per l’eccellenza creativa, il rinnovo di progetti di grande valore sociale come Equal e novità come l’inserimento dal prossimo ADCI Awards in ciascuna giuria di un under 30. Questo permetterà ai giovani di confrontarsi con persone più esperte, ma soprattutto di comprendere gli asset che determinano un giudizio di eccellenza sul lavoro. Sono certo sarà una grande avventura!».

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI