Acqua Group lancia la nuova agenzia digitale Booster

Il gruppo acquisisce Fuel e la fonde con Key Digital per dare vita a una nuova sigla con 50 clienti e un giro d’affari di un milione di euro annui, che punta a portare rapidamente a cinque milioni attraverso altre acquisizioni. «Entro un anno una sede a Londra»

di Simone Freddi
13 giugno 2016
Booster-acqua-logo

Nasce una nuova agenzia digitale in Acqua Group, la società specializzata in servizi a supporto del marketing integrato guidato da Davide Arduini e Andrea Cimenti. Si chiama Booster e nasce dalla fusione della storica struttura interna Key Digital e Fuel, l’agenzia di Pordenone fondata tra 2009 e 2010 da Paolo Delriu e Walter Padovan, che entra così nel gruppo.  

Booster nasce con due sedi (Milano, per i contenuti, e Pordenone, dove sarà mantenuta la produzione) un portafoglio clienti di circa cinquanta aziende, otto anni di esperienza e sedici specialisti digitali.

L’agenzia sarà guidata da Delriu e Padovan, che siedono anche nel Consiglio di Amministrazione come soci fondatori.

L’offerta comprende digital strategy, community management, produzione di contenuti, siti web, e-commerce, web advertising, progetti editoriali web e di social media marketing e non solo. Booster realizzerà anche app mobile, produzione video e web tv, realtà virtuale e 3D, realtà aumentata.

Booster-agenzia-acqua-group
Da sinistra: Delriu, Cimenti, Francesco Esposito (Cfo di Acqua Group) , Arduini e Padovan

«La necessità di stare al passo con la crescita esponenziale del settore digital ci ha portato a scegliere di acquisire una società già esperta che si integrasse alla perfezione con le competenze che già abbiamo, in modo da esprimere subito il massimo potenziale di conoscenza e di servizi», ha spiegato Davide Arduini, presidente di Acqua Group. E potrebbe non essere finita qui:

«Con Booster – ci ha detto Andrea Cimenti, ceo di Acqua Group – abbiamo creato una nuova casa digitale nella quale potremo decidere di fare entrare anche altre realtà, non solo italiane, con l’obiettivo tra l’altro di arrivare entro un anno ad aprire una sede a Londra. La crescita per acquisizioni è una precisa scelta strategica, nell’ambito della quale vogliamo portare il giro d’affari della nuova struttura dai circa un milione di euro che faremo nel 2016 fino a cinque milioni entro tre anni».

Walter Padovan di Fuel ha aggiunto: «Siamo entrati in Acqua Group per creare un vero e proprio cuore pulsante digitale. Ci ha unito l’idea di integrazione nella comunicazione e la vocazione nel cercare nuove strade, nuove soluzioni. Nel tempo abbiamo costruito un percorso di collaborazione che si è spontaneamente evoluto nell’unione delle nostre due realtà. L’unione delle nostre forze non è una semplice somma ma soprattutto la creazione di nuove idee e nuove visioni che possono fare davvero la differenza in un mercato così dinamico».

Acqua Group: Loyalty, Retail e Digital trainano la crescita

la presentazione di Booster presso la sede di via De Angeli a Milano ci ha permesso di fare il punto con Andrea Cimenti sull’andamento di Acqua Group. «Abbiamo chiuso il 2015 con un fatturato di 12 milioni di euro, che contiamo di portare a 14 milioni quest’anno», ci ha detto il Ceo dell’azienda, tra le maggiori operanti nel mercato della comunicazione a capitale interamente italiano. «Loyalty, Retail e Digital sono i settori che ci stanno crescendo di più in questo momento. Vanno bene anche Eventi e Creatività, mentre il Media, complice la trasformazione delle pianificazioni, ci dà meno margini rispetto al passato. Dopo un anno di assestamento anche Emg, la società di ricerche che abbiamo acquisito a luglio 2014, sta tornando a crescere bene».

Nessuna novità di rilievo sul fronte delle gare per il Gruppo, che però a fine 2015 ha avuto la soddisfazione di vedere assegnare alla sua agenzia creativa Key Adv lo sviluppo della nuova campagna di Pubblicità Progresso, dedicata al tema della sostenibilità. «Si tratta di un’attività pro-bono che ha acceso l’entusiasmo sia dei soci del gruppo sia dei dipendenti. Pensavamo che fosse inimmaginabile che un progetto di questa importanza venisse affidato a una realtà di media dimensione come la nostra. Siamo davvero molto orgogliosi di esserci potuti cimentare con questa sfida, che generalmente vede in campo i nomi più altisonanti del mercato».

La campagna, dal titolo “Ciriesco”, è declinata su stampa, affissione, radio, tv e web.

 

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.