L’ad blocker arriva su Chrome. Mountain View avvia i test su Canary

Nell’ultimo aggiornamento della versione Android della release sperimentale del browser rivolta agli sviluppatori, Google ha aggiunto un filtro antipubblicità

di Caterina Varpi
01 agosto 2017
Chrome

L’ad blocker in Chrome è diventato realtà, dopo le voci e le conferme dei mesi scorsi (leggi l’articolo dedicato).

Nell’ultimo aggiornamento della versione Android di Chrome Canary, la release sperimentale del browser rivolta più che altro agli sviluppatori, Google ha aggiunto un ad blocker proprietario.

Questo sistema punta a bloccare, in particolare, le pubblicità più invadenti, come i pop-up, i video a riproduzione automatica, banner invasivi e gli interstitial, non conformi agli standard della Coalition for Better Ads.

Per abilitare il filtro, basta andare nel menu Impostazioni del browser, continuare su Impostazioni sito e quindi su Ads. Da questa schermata si può quindi attivare il nuovo strumento.

Come annunciato dalla stessa Google, il servizio dovrebbe essere disponibile a tutti a partire dal prossimo anno.

Oggi il browser di BigG, secondo le ultime statistiche della società specializzata NetMarketShare, è utilizzato da quasi 6 dispositivi su 10 tra desktop e mobile, e alla luce di questi numeri l’integrazione di un ad blocker potrebbe avere un grosso impatto sul mercato pubblicitario, andando a colpire una fonte di entrate per gli editori (leggi l’articolo dedicato).

A questo link potete leggeri alcune opinioni di alcuni esperti del settore.

Engage nella tua e-mail. Gratis, ogni giorno

Engage La Prima
La nostra newsletter quotidiana, contenente le 10 notizie più impattanti della giornata, per rimanere sempre aggiornato sui trend del mercato.

Engage Mag
Il nostro magazine periodico, con focus e speciali di approfondimento, distribuito anche in forma cartacea ai principali eventi di settore.

Partner Messages
Messaggi periodici dai nostri partner. Se acconsenti alla ricezione di queste email, aiuterai Engage a mantenere i suoi canali fruibili gratuitamente, e, oltretutto, potresti trovare inviti e informazioni utili alla tua azienda.