Pubblicità: i marchi del lusso preferiscono Instragram alla carta stampata

Lo rivela un’analisi di Exane Bnp Paribas. Intanto il social network sta per rendere disponibili specifici profili per le attività, più dati sull’andamento dei post e la possibilità di acquistare pubblicità da mobile

di Caterina Varpi
11 marzo 2016
lusso-e-commerce

I budget pubblicitari si spostano sempre più dall’offline verso l’online, in modo particolare verso il social network Instagram: lo rivela un’analisi di Exane Bnp Paribas. Il report infatti analizza gli andamenti della comunicazione nel 2015 dei più grandi brand luxury e fra le griffe con più grande impiego dei social network ed in particolare di Instagram troviamo Chanel, Louis Vuitton, Dior, D&G, Gucci e Prada. Gucci starebbe utilizzando meno il social network rispetto ai concorrenti, almeno sino al momento del rilievo online.

Secondo il rapporto 15 su 30 brand del lusso presi in esame avrebbero diminuito i propri investimenti pubblicitari “tradizionali” per aumentarli verso il digitale.

Intanto, per accrescere il numero di inserzionisti e attirare budget maggiori, Instagram sta per lanciare, secondo Re/Code delle novità sul fronte pubblicitario simili a quelle di Facebook. L’adv su Instagram aveva debuttato a fine settembre 2015 e in questi primi mesi sono state introdotti diversi nuovi formati e funzioni (leggi l’articolo dedicato). Ora dovrebbero essere resi disponibili specifici profili per le attività ossia quello che su Facebook sono le Pagine, più dati sull’andamento dei post e la possibilità di acquistare pubblicità da mobile.

Il social network delle immagini ha raggiunto in questi mesi 200.000 inserzionisti in tutto il mondo e in Italia è arrivato a 9 milioni di utenti.

Engage nella tua e-mail. Gratis, ogni giorno