Facebook, arrivano i “pulsanti WhatsApp” sugli annunci pubblicitari

I bottoni, collegati a profili aziendali sull’app di messaggistica, consentiranno agli utenti interessati di avviare delle chat con gli inserzionisti

di Alessandra La Rosa
14 dicembre 2017
whatsapp-facebook

WhatsApp continua ad essere un’app senza pubblicità, ma Facebook sembrerebbe avere trovato il modo di monetizzarla ugualmente.

Il social network, infatti, si prepara a sfruttare i nuovi profili aziendali verificati su WhatsApp lanciati qualche mese fa, legandoli ai propri annunci pubblicitari. Su Facebook, infatti, le aziende potranno aggiungere ai loro annunci sul News Feed dei pulsanti collegati ai loro profili WhatsApp, tramite cui gli utenti interessati potranno avviare delle conversazioni. Un’alternativa a quanto è già attualmente possibile fare con Messenger, l’altra app di messaggi del gigante di Menlo Park.

«Aggiungendo un pulsante click-to-WhatsApp alle campagne Facebook, le aziende potranno ora rendere ancora più semplice per gli utenti avere informazioni sui loro prodotti, organizzare un appuntamento o utilizzare un servizio», ha spiegato product marketing manager di Facebook, Pancham Gajjar, in una nota.

Tali pulsanti saranno visibili solo a chi ha WhatsApp pre-installato sul proprio telefono, e, una volta cliccati, apriranno l’applicazione di messaggistica con un messaggio preformattato. Appena l’utente avrà scritto e inviato il proprio messaggio, questo sarà accompagnato dall’immagine dell’annuncio Facebook, in modo che l’azienda potrà identificare immediatamente la campagna “responsabile” del messaggio.

Le aziende interessate a questa novità potranno acquistare il pulsante solamente se promuovono un loro post organico. Attualmente non è previsto l’utilizzo della feature tramite gli strumenti di acquisto self-service o l’API pubblicitaria, e dunque non è possibile “indirizzare” la visibilità del pulsante solo agli utenti potenzialmente più propensi ad avviare un dialogo su WhatsApp, come invece succede per l’analoga funzionalità dedicata all’apertura di una chat su Messenger. E’ comunque possibile targettizzare il “click-to-WhatsApp” attraverso le opzioni standard di segmentazione del social network, come età, genere, luogo, interessi e comportamenti.

La novità verrà resa disponibile gradualmente nei diversi mercati: inizialmente in Nord America e Sud America, Africa, Australia e buona parte dell’Asia. Paesi che fungeranno in qualche modo da tester prima della messa a disposizione in altre aree, Europa inclusa. Secondo TechCrunch, il social di Zuckerberg avrebbe intenzione di osservare attentamente come questa nuova funzionalità sarà utilizzata da aziende e utenti, e starebbe inoltre interrogandosi con esperti esterni (che la testata ipotizza possano includere utenti ma anche autorità di controllo) su come far cooperare maggiormente WhatsApp e Facebook.

Dopo l’acquisizione di WhatsApp tre anni fa per 19 miliardi di dollari, il mercato si è più volte chiesto come Facebook sarebbe riuscita a monetizzare l’app di messaggistica. Più volte il social di Menlo Park ha sottolineato che WhatsApp sarebbe sempre stata priva di annunci pubblicitari. Che stia cambiando idea?

Engage nella tua e-mail. Gratis, ogni giorno

Engage La Prima
La nostra newsletter quotidiana, contenente le 10 notizie più impattanti della giornata, per rimanere sempre aggiornato sui trend del mercato.

Engage Mag
Il nostro magazine periodico, con focus e speciali di approfondimento, distribuito anche in forma cartacea ai principali eventi di settore.

Partner Messages
Messaggi periodici dai nostri partner. Se acconsenti alla ricezione di queste email, aiuterai Engage a mantenere i suoi canali fruibili gratuitamente, e, oltretutto, potresti trovare inviti e informazioni utili alla tua azienda.