Facebook: dal 2018 via libera ai pre-roll da 6 secondi sui contenuti video

La novità dovrebbe, almeno all’inizio, riguardare solo i contenuti presenti su Watch, il servizio disponibile solo per gli utenti USA ma pronto a varcare questi confini. Arrivano nuove regole anche per i mid-roll

di Teresa Nappi
15 dicembre 2017
facebook-pre-roll

Facebook sta cambiando la propria politica rispetto ai video pubblicitari, fatto che potrebbe amplificare le tensioni con molti publisher già frustrati per l’incapacità di monetizzare in modo adeguato i video pubblicati sulla piattaforma.

La società sta di fatto spingendo gli editori a creare video più lunghi, innalzando nuovamente l’asticella dei requisiti da rispettare perché gli annunci pubblicitari possano essere inseriti nei contenuti. Il social sta inoltre intervenendo sull’algoritmo del proprio news-feed per premiare, in termini di monetizzazione, le pagine con palinsesti video che attirano visitatori in modo più regolare.

Cambio di rotta dunque per Facebook, che oltre a queste novità annuncia un’altra importante rivoluzione: dal 2018 gli spot verranno introdotti sui contenuti video non solo nella forma del mid-roll, soluzione lanciata a febbraio 2017 (leggi qui l’articolo dedicato), ma anche in quella del pre-roll. In particolare, per gli inserzionisti sarà possibile pianificare un filmato da 6 secondi prima dell’inizio di un contenuto video.

Facebook abbraccia dunque il modello YouTube, anche se al momento pare che la novità non interessi il news feed degli utenti, ma comparirà solo sui video presenti nella sezione video di Facebook, Watch, per ora attiva solo negli Stati Uniti.

Il social network, che a principio aveva rifiutato la possibilità di aprirsi ai pre-roll optando per la monetizzazione attraverso gli spot pianificati a metà di un video, estende quindi la propria politica, probabilmente perché la strada scelta in precedenza non ha assicurato i risultati sperati. Le adv dureranno, come già sottolineato, al massimo 6 secondi e serviranno per remunerare gli editori visto che intanto Facebook ha deciso anche di non finanziare più la creazione di contenuti per la propria piattaforma.

E non solo. Con l’arrivo degli spot all’inizio dei video, Facebook inevitabilmente modificherà anche la logica di erogazione di quelli a metà filmato. Queste pubblicità compariranno adesso solo all’interno di video lunghi almeno tre minuti ed esclusivamente in momenti avanzati della riproduzione del contenuto.

Facebook Watch oltre i confini USA

Facebook Watch è la piattaforma lanciata dal social ad agosto (leggi qui l’articolo dedicato) e su cui gli utenti possono guardare in streaming diversi contenuti video (show, sport e anche produzioni originali).

Si tratta di un’offerta simile a quella di servizi come Netflix o Amazon Prime Video. Secondo indiscrezioni di qualche settimana fa, la piattaforma sarebbe pronta a lanciare il servizio fuori dagli Stati Uniti, per l’esattezza in India, nella primavera 2018.

Engage nella tua e-mail. Gratis, ogni giorno

Engage La Prima
La nostra newsletter quotidiana, contenente le 10 notizie più impattanti della giornata, per rimanere sempre aggiornato sui trend del mercato.

Engage Mag
Il nostro magazine periodico, con focus e speciali di approfondimento, distribuito anche in forma cartacea ai principali eventi di settore.

Partner Messages
Messaggi periodici dai nostri partner. Se acconsenti alla ricezione di queste email, aiuterai Engage a mantenere i suoi canali fruibili gratuitamente, e, oltretutto, potresti trovare inviti e informazioni utili alla tua azienda.